Un punto in più rispetto all’andata

Un punto in più

Pioli ha detto “abbiamo un punto in più rispetto all’andata” e nessuno può dargli torto. Oltre al punto, aggiungerei che abbiamo una maggiore consapevolezza dei nostro valore e dei nostri limiti.

La Fiorentina sta dimostrando una certa consistenza, sta in campo con piglio e fermezza. Era da tantissimo tempo che la Fiorentina non aveva l’ardore che sta mostrando quest’anno dove nessuno risparmia l’intervento convinto in scivolata, non tanto per fare.

D’altra parte il gioco latita abbastanza e spiragli di miglioramento all’orizzonte non se ne vedono, la rosa è questa e la società non sembra propensa a spendere. Almeno arrivassero un centrocampista e un esterno…

La partita contro l’Inter l’ho vista solo a sprazzi e l’unica cosa che mi viene da dire è che Thereau è completamente fuori condizione e che avrebbe bisogno di rifiatare. Perché Pioli non si decide a fare un attacco con Babacar e Simeone? Sono due centravanti, sono due che giocano da soli, che danno il meglio di sé in area di rigore, ma tanto ormai il calcio bello in Italia lo fa solo il Napoli e allora è tempo di sfruttare al meglio le nostre armi.

Oro: Chiesa

Medaglia di OroCorre e si fa in quattro, sia sulla fascia destra che sulla fascia sinistra. Crossa, allarga la difesa dell’Inter, pressa, gli manca solo il gol. E forse gli manca di giocare più vicino alla porta.
 
 
 

Argento: Simeone

Medaglia di ArgentoHo letto cinque diversi articoli su internet prima di fare le pagelle, in quattro il voto di Simeone era uguale a quello di Chiesa, nel quinto era peggiore e quindi Simeone non è uomo partita nemmeno se fa il gol del pareggio in pieno recupero. Perché? Forse perché ha sbagliato un gol facilissimo all’inizio? O forse perché non sa fare un passaggio a due metri? Non riesco ad entusiasmarmi perché ha delle doti tecniche pessime e perché è solo di passaggio a Firenze. (Per fortuna)

Bronzo: Biraghi

Medaglia di BronzoDisprezzato da tutti appena arrivato ha, piano, piano, conquistato fiducia e apprezzamento. Certo, non è un terzino sinistro top, ma i mali della Fiorentina non sono certo dovuti a lui. Contro l’Inter annulla Candreva (Candreva!) e ci delizia con una punizione al sette.

2 Commenti

  1. Per quanto riguarda Biraghi, dalla sua parte ha giocato per quasi tutta la partita Joao Mario (Candreva è entrato negli ultimi 20 minuti e a dir la verità ha avuto anche la palla per fare il 2 a 0). Nel primo tempo gli unici pericoli dell’Inter sono venuti proprio dalla sua parte, e comunque neppure per troppa colpa di Biraghi, perché era preso fra Cancelo e JOao Mario quando si allargava. Il vero cliente difficile l’ha avuto Laurini sulla destra (Perisic), molto ben contenuto, a parte un’azione del primo tempo.
    Tutto sommato comunque sono d’accordo sul buon giudizio di BIraghi (e dello stesso Laurini direi). Avremo bisogno di un buon terzino perché andrà via Maxi Olivera. Certo se fosse più titolare di BIraghi male non farebbe. Il vero problema rinforzi rimane comunque quello del centrocampo.

  2. Ehm… si vede che non ho visto la partita.

    A me Biraghi piace (meglio di Pasqual?), così come Laurini e tutta la difesa della Fiorentina è ampiamente sufficiente, i problemi arrivano quando deve impostare.

    Nemmeno il centrocampo è malvagio, non un centrocampo top ma certo un centrocampo da posto UEFA anche se molto corto.

    Purtoppo la Fiorentina pecca molto in attacco dove non c’è nessuno di livello top. Perché per difendere non servono troppe abilità tecniche, ma per fare gioco e gol si.

    Non riesco ad avere pensieri positivi né su Gil Dias, né su Eysseric, né su Saponara, che dovrebbero essere gli uomini di fantasia. L’unico che mi solletica è Di Faso, forse perché l’ho visto giocare solo venti minuti…

    E non riesco ad essere positivo nemmeno sul mercato… Il cilindro di Corvino ormai contiene solo le ragnatele.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.