Fiorentina degli sprechi

Tornare da Bergamo di questi tempi con un punto può essere considerato in generale un buon risultato; il fatto è però che la Fiorentina non è stata certo inferiore all’Atalanta e anche stavolta, pur essendo passati in vantaggio meritamente e sfiorando anche il raddoppio siamo arrivati a 10 minuti dalla fine della partita in pareggio, senza mai subire azioni pericolose dei bergamaschi. Abbiamo infatti subito per l’ennesima volta su un calcio da fermo, questa volta di testa da una punizione laterale. Premessso che anche su questo gol sarebbe da rivedere l’intervento di Sportiello, rimane il fatto che in questa stagione ci stiamo sempre più caratterizzando come la Fiorentina degli sprechi. Lo stesso Pioli dice che concretizziamo poco la nostra supremazia in campo e questo sicuramente dipende dal fatto di avere un tridente di ragazzi dove il più anziano è Simeone con 22 anni. Mi dispiace molto per l’argentino, perché anche oggi ha fatto una gara veramente di sacrificio, si è costruito con la sua forza una grossa occasione andando via di forza a Caldara, sparando però alto da buona posizione. Ha però fatto salire bene la squadra e sempre lui ha retto e poi appogiato per l’aereo (nel senso di aggettivo e non sostantivo) Gil Dias. La settimana scorsa ho detto che fa bene Pioli a vedere di che stoffa è fatto… però di fatto oggi abbiamo giocato in 10 almeno tutto il secondo tempo perché il portoghese non solo perde tutti i contrasti, ma quasi sempre li evita lasciando la palla agli avversari… per di più ha sbagliato molto, quando ha campo non affonda, quando è 1 contro 1 tenta sempre la solita cosa (domenica scorsa che provò una cosa diversa fece quasi gol). Certo non è che Thereau quando è entrato abbia dato la svolta, anche perché dopo l’ingresso siamo rimasti quasi subito in 10 realmente per un 1/2 giallo/rosso di MIlenkovic, che aveva fatto un’altra prova di ottimo livello. E qui si entra sul tema arbitro, o meglio sul tema Maresca: forse è semplicemente scarso, ma ha avuto una gestione dei cartellini (e anche dei falli) completamente sbilanciata a nostro danno. Purtroppo su questo la VAR   non può far niente e alla fine (vedendo anche gli altri campi) se a una cosa la VAR è servita è dimostrare che sono gli uomini ad avere due pesi e due misure.

Seppur in 10, la migiore occasione per vincere l’ha avuta la Fiorentina con Falcinelli, che sembra un po’ la brutta copia di Simeone, mentre incoraggianti sono i segnali dell’esordio di Dabo. E così la Fiorentina degli sprechi dimostra che sulla carta un posto uefa se lo potrebbe giocare, ma i ritardi in classifica iniziano ad essere troppo grandi.

1 Commento

  1. Ho visto solo gli ultimi dieci minuti di partita e so che sono troppo pochi per esprimere opinioni. Mi sono visto tutta la morbidezza di Gil Dias che è nato e morirà morbido, più o meno quello che era Tello, quindi un giocatore non adatto a noi.

    Mi sono visto anche l’errore di Falcinelli e se lui è la brutta copia di Simeone vuol dire che Simeone è la bella copia di Falcinelli. Bella copia!!!

    Per me quest’anno siamo sopratutto carenti in fase di realizzazione, chissà perché… Eppure abbiamo un centravanti argentino dal nome importante pagato 15 milioni… o almeno così dicono i giornali, perché per me i 15 milioni li abbiamo incassati. Corvino sa fare gli affari e l’affare Simeone è un affare perché è lui che paga noi per giocare, non noi che paghiamo lui.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*