Tanti pesi e troppe misure

In quest’estate i tifosi viola e la stampa fiorentina hanno fatto molto rumore sulle partenze di Borja e Kalinic, alimentandosi a vicenda, per non parlare poi del caso Bernardeschi da amore ad odio… per la società che non si era dimostrata all’altezza per trattenerlo. Quella dell’ex 10 viola è magari una storia a se, una di quelle che un po’ ti ferisce (certo niente confronto a quanto accaduto ai tempi di Baggio); però sinceramente se qualche dubbio rimane ancora sulle qualità del calciatore, da parte mia ce ne sono molti meno sull’uomo: per me è un NO secco. Ha voluto gratificare il suo nuovo tifo con quell’atteggiamento di sfida (non tanto e solo per il gol, quanto affrontare a testa alta da solo i fischi della curva), di cavaliere senza macchia e senza paura, di cui tutti probabilmente avrebbero fatto a meno, compresi forse gli juventini. Ma su Borja e Kalinic vale la pena fare delle riflessioni: lo spagnolo ha fatto anni straordinari a Firenze e straordinario è sempre stato l’uomo; ma era evidente il suo calo e il lento decrescere di efficacia del suo modo di giocare. E nell’ultimo anno è stato anche spesso criticato. Kalinic ha fatto due bei campionati, comunque alla soglia dei trentanni e quindi abbastanza consapevoli che fosse al suo; poi c’è stata anche quella manfrina della Cina, che ci ha fatto capire che la Fiorentina era nella sua testa la penultima tappa per arrivare ad una grande squadra. Abbiamo invece fatto andar via in completo silenzio, anzi direi con una sommessa soddisfazione ed ironia Ilicic… diciamo di più: l’abbiamo massacrato in questi anni a Firenze, al di la di quelli (sempre meno a dir la verità) che fanno ohhh. Sicuramente ci ha messo del suo, o meglio c’ha messo le sue movenze un po’ indolenti, il suo carattere spesso remissivo, tant’è che quando le cose andavano male era il Malaussene adatto per tutte le occasioni. In realtà questa Fiorentina avrebbe bisogno di Ilicic molto più di Borja, di Kalinic (specialmente quello che si sta vedendo al Milan) e dello stesso Berna. Sarà che Gasperini usa lo sloveno in modo più intelligente, ovvero quando non è la sua partita lo tiene in panchina: però ha fatto già 12 reti in stagione, alcune determinanti, ha cambiato spesso il volto alle partite. L’obiettivo non è ora stare a fare gli elogi postumi di Ilicic, ma sottolineare però che spesso si hanno tanti pesi e troppe misure per giudicare calciatori e non solo. Basta vedere anche quello che succede oggi con Chiesa e Simeone: il primo ormai è nelle nostre grazie ed il fatto che abbia passato molte gare in cui non trovava la porta, in cui spesso si incaponiva su dribbling e tiri ignorando compagni messi molto meglio si giustificava sempre con la prestazione piena di grinta, corsa ecc; dell’argentino, che in quanto a grinta, corsa, volontà, non è secondo a nessuno, come sta 3 domeniche senza segnare è già nell’elenco dei colpevoli. E sappiamo bene che gli esempi non finiscono qui. La critica a chi veste la nostra maglia può essere sempre un modo per incentivare chi gioca nella Fiorentina a fare meglio, però il tifo viola dovrebbe imparare ad un essere un po’ meno autoreferenziale e a tutelare maggiormente il patrimonio della propria squadra.

2 Commenti

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.