Continuiamo così…

La Fiorentina torna finalmente alla vittoria al Franchi e secondo me lo fa meritatamente, nonostante un po’ di affanno nella ripresa, nonostante il pessimismo cosmico che sta avvolgendo questa squadra e questa stagione. Ma andiamo per gradi. Nel primo tempo c’è stata praticamente una sola squadra in campo. Sarà per il favore di vento, sarà per l’atteggiamento (però la Fiorentina ha fatto un pressing alto asfissiante ed era veramente dura per il Chievo ripartire), ma nei primi 45 minuti non c’è stata partita. Purtroppo la supremazia si è tradotta solo nel primo gran gol di Biraghi in viola. A me è piaciuto anche l’assetto tattico, quel 3-5-2 già un po’ di tempo fa evocato: secondo me Pioli, specialmente in trasferta, potrebbe provare la variante Gaspar a destra, con Chiesa a fianco di Simeone. Certo il vento alle spalle aiuta a spingere, ma i vento forte penalizza la squadra più tecnica, perché limita le giocate ed incentiva gli scontri fisici. Nella ripresa, vuoi per un po’ di calo fisico, vuoi perché il vento era a favore del Chievo, la Fiorentina ha sofferto di più… ma le occasioni più nitide sono state comunque quelle dei viola con Simeone, Veretout, Gil Dias ed il gol in fuorigioco di un niente di Benassi.

Vorrei sottolineare la prova di Cristoforo, non eccellente ma sicuramente sufficiente, con la consapevolezza di aver sprecato 4 mesi di tentativi di risuscitare Sanchez: Cristoforo non ha la qualità di Badelj, ma c’ha messo grinta, un pizzico di qualità quando serviva e comunque anche lui è stato penalizzato dal forte vento. Non mi ha convinto molto Falcinelli… come detto sopra, metterei Chiesa a fianco di Simeone. Mi è piaciuta la difesa a tre, che io userei anche nelle prossime gare. E’ un pochino in difficoltà Veretout, ma mi sembra in ripresa. Insomma, siamo in un anno di transizione e questo mi sembra ormai chiaro; la squadra anche oggi è entrata in campo con grande determinazione; alla fine l’unica partita sbagliata rimane quella con il Verona. E allora io dico continuiamo così, giochiamo partita per partita e vediamo che succede… poi accendo la radio e sento una pesante area di critica, di insoddisfazione, quasi di sconfitta. Penso che il Chievo ha avuto molte meno occasioni di quelle che noi abbiamo avuto con la Juve… e allora mi viene in mente Nanni Moretti e le sue fisime sui dolci… continuiamo così, facciamoci del male.

3 Commenti

  1. Non ho visto nemmeno questa partita ma nutrivo un forte sentimento positivo, dopo tutto era il Chievo.
    E’ in arrivo Marzo, probabilmente il mese più buio da sempre degli anni DV, quello in cui una Fiorentina brillante iniziava a spengersi e a diventare una Fiorentina incolore.
    Le posizioni che contano sono “solo” a 9 punti e le partite sono 12 vediamo che succede con Pioli.

  2. Negli anni di transizione (e di polemica incondizionata), la prima cosa importante è guardarsi alle spalle e nonostante tutto il pessimismo di questo mondo, mi sembra che si stia tenendo le giuste distanze dalle zone paludosi. Tanti poi continuano a fare paragoni con l’anno di Sinisa, quando veramente c’era il vuoto cosmico in campo ed in panchina (una squadra completamente da rifondare). Secondo me ci sono almeno una decina (ma forse qualcosa inpiù) di giocatori su cui basare una squadra più competitiva (di cui 6/7 titolari).

  3. Dimenticavo… la corsa sui 9 punti significa anche corsa su una squadra costruita con i soldi del monopoli… tanti tanti soldi del monopoli: tutti lo sanno, provò Sky a dirlo a settembre e venne minacciato e quindi adesso tutti stanno al gioco. Altra squadra che gioca con giocatori (e stipendi) al di sopra delle proprie possibilità è la Roma e ora che probabilmente gioca con giocatori già ceduti si vedono i risultati.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*