Doppia figura

Come tifosi Fiorentini, come tifosi in generale, faziosi per definizione, non è facile dare dei giudizi completamente imparziali su quello che accade a squadre nostre rivali in ambito europeo, specialmente se queste si chiamano Roma e Juventus. Provo allora a ragionare sui dati di fatto: la Roma prima e la Juve dopo hanno dato una lezione di tattica e direi anche di atteggiamento mentale alle due squadre top spagnole e mondiali Barcellona e Madrid. La Roma ha nettamente dominato il Barcellona e ha meritato la semifinale. Di Francesco ha studiato la partita, ha giocato sui propri valori e contro i punti di debolezza dell’avversario. Valverde ha fatto fare ai suoi la solita partita fotocopia, ma nel calcio di oggi ogni modulo tattico ha precise contromosse tattiche e se non giochi anche sulle caratteristiche dell’avversario, rischi di fare le figurette che ha fatto il Barcellona (senza contare come detto l’atteggiamento mentale). Discorso simile si può fare per la Juve, anche se il Real è comunque squadra più tosta che ha avuto le proprie occasioni ed ha avuto anche maggiore forza di reazione dopo lo 0 – 3. Altro fatto indubbio è che la sfida meritava i supplementari… però il calcio è uno sport anche malvagio e chi ha disegnato (non designato) questa gara ha riservato alla Juve un finale triste: da un cross abbastanza innocuo, Ronaldo è salito in cielo, mentre Benatia pensava positivo e stava a 3 metri dall’uomo davanti a Buffon; si è precipitato su di lui, prima lo ha spinto, poi lo ha scalciato, poi lo ha travolto, prendendo solo dopo la seconda fase la palla. E’ rigore, NON si può NON dare rigore… anzi è minimo ammonizione per Benatia perché è chiarissima azione da gol (e quindi espulsione). Capisco le proteste, tutti avrebbero protestato a pochi secondi dalla fine di un quarto di finale di champion, si protesta per rabbia, per frustazione, si protesta per innervosire un po’ anche chi deve calciare. Poi però c’è un limite alle proteste e qui si passa dalla bella figura fatta dalle italiane, alla doppia figura. Prima di tutto la veemenza e aggressività ripetuta e molteplice dei giocatori bianconeri, cosa che proprio la Fiorentina aveva voluto porre all’attenzione dopo la gara di Firenze: è un atteggiamento inaccettabile, che l’arbitro (diversamente da quello che accade con certe squadre in Italia) alla fine non ha accettato tirando fuori il rosso per Buffon. Non voglio neppure commentare il gesto da Bar Sport di Chiellini (You pay), per passare al dopo partita, quando l’adrenalina un po’ scende, quando i dirigenti dovvrebbero misurare le parole: ed invece Buffon offende pesantemente l’arbitro, Agnelli tira giù dalla poltrona della Uefa l’ITALIANO Collina, implorando quella VAR che proprio la Juve ha criticato pesantemente in Italia (fra l’altro l’intervento NON sarebbe stato da VAR, perché il  contatto c’è e la VAR non può sindacare su entità del contatto). Insomma da una doppietta miracolosa mancata di un soffio, ad una doppia figura, quella da Re di Cuori della Roma, a Gobbo di Picche della Juve, che spero nei prossimi giorni possa correggere un po’ il tiro, perché anche in questo rappresentano l’Italia e soprattutto per questo sono abbastanza scocciato.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.