Garra Fiorentina

Garra Fiorentina

La cosa più bella che è successa domenica a Roma è stata vedere la garra che (quasi) tutti i giocatori della Fiorentina hanno messo in campo. Troppe altre volte una partita del genere sarebbe stata ribaltata dagli avversari di forza e di grinta. La Roma ci ha provato, ha provato a buttarla sul piano fisico, ma noi siamo stati più forti, abbiamo ribattuto colpo su colpo e pedata su pedata. E queste sono le dimostrazioni che i tifosi vogliono vedere: si può anche perdere, ma solo perché l’avversario è tecnicamente più forte, non perché ha più volontà di noi.

Oro: Simeone

Medaglia di OroOltre che il centravanti è, probabilmente, quello che mette più garra in campo e, in qualche momento della partita e con le dovute cautele, assurge più di tutti al ruolo di trascinatore. Peccato che non abbia (ancora?) una tecnica sufficiente per partecipare a qualche manovra offensiva ma fa qualche gol e partecipa intensamente alla fase difensiva. Se arrivasse almeno a 15 gol a stagione tutti potrebbero chiudere un occhio sulle sue scarse doti tecniche.
 

Argento: Sportiello

Medaglia di ArgentoSu uno dei primi palloni commette uno svarione bello grosso ma da lì in poi, complice quel pizzico di fortuna che non guasta mai, tira giù la saracinesca e chiude la porta della Fiorentina. Straordinari gli interventi su Nainggolan e Dzeko.
 

Bronzo: Benassi

Medaglia di BronzoPerché proprio lui? Perché fa il primo gol e perché nel secondo tempo si abbassa i calzettoni e gioca con il coltello tra i denti come non aveva dimostrato mai. Non è proprio un super centrocampista raffinato con i piedi, non è un regista, non è uno palla o gamba, ma è un centrocampista a tutto campo che sa fare la mezzala e ha qualche intuizione (e qualche gol) davanti.
 

Vorrei segnalare anche una splendida partita della coppia di difensori centrali: Pezzella ormai ci ha abitutato, ma Hugo non lo conoscevamo ed è stato sorprendete vederlo isnuperabile di testa e fisicamente. Purtoppo ancora un po’ grezzo con la palla sui piedi ma è il suo primo anno in Italia e dobbiamo dargli tempo per migliorare.

In una squadra grintosa, dove tutti corrono, tutti coprono, tutti si dannano l’anima per gli altri, fa la sua bella figura anche un giocatore più raffinato, più delicato, insomma, il rifinitore. Ma uno solo, non due!

Provando a rispondere alla domanda di Davide “e ora?” la risposta è semplice. E ora viene il difficile, perché con gli allori arrivano gli adagi e perché la prossima è la Spal e non la Roma. Saremo in grado di dimostrare la stessa garra? E saremo in grado di fare risultato anche contro una squadra che non concederà il contropiede?

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*