Un punto per continuare

Doveva essere sulla carta un turno favorevole per la Fiorentina, però avevamo sottolineato, come hanno fatto in molti, che oggi era una partita insidiosa, sia perché continuare a vincere è difficile, sia perché la Spal è fra le squadre più in forma del campionato. Alla fine è stata la Spal a portare avanti la sua striscia positiva di non sconfitte, mentre la Fiorentina si è dovuta accontentare di un pareggio. E’ comunque un punto per continuare un percorso avviato un mese e mezzo fa, che ha portato la Fiorentina al settimo posto, a due lunghezze dal sesto. Oggi è mancato quel pizzico di determinazione e di fortuna, che ci avevano aiutato a vincere per esempio a Torino e a Roma. La Fiorentina ha comunque dominato, non ha quasi mai rischiato (a parte il rigore revocato giustamente alla Spal dalla VAR), ha sfiorato più volte il gol. E’ mancato un po’ di tempismo, di cattiveria e precisione sotto porta. Ci prendiamo comunque questo punto, che ci consente di mantenere inalterate le distanze con Milan, Atalanta e Torino e di allungare un pochetto sulla Samp; un punto che ci consente di uscire ancora una volta senza subire gol, con la consapevolezza che anche senza Badelj la Fiorentina ha comunque i mezzi per creare ed essere pericolosa, anche con una squadra che subisce poco come la Spal. Ho visto ovviamente in giro voti molto meno generosi rispetto alla vittoria con la Roma, ma direi che la prestazione in generale è stata positiva in tutti gli effettivi. C’è da dire che Saponara ancora non ha più di un’ora nelle gambe ed in ottica del turno infrasettimanale può essere un elemento di criticità. Infatti verso metà della ripresa la Fiorentina è andata un po’ in affanno. Ma con i cambi si è ripresa e questa volta Eysseric, Falcinelli e Gil Dias non hanno demeritato (anche se il francese ed il portoghese hanno sprecato delle ottime palle gol). Un punto quindi che ci toglie l’ansia da record di vittorie, ma che ci proietta con fiducia alla difficile sfida di mercoledì contro la Lazio.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*