Chi speluzzica non digiuna

Chi speluzzica non digiuna

L’unico modo per vedere positivamente la partita Fiorentina – Spal è quello di ricordarsi del vecchio adagio “Chi speluzzica non digiuna”. La Fiorentina ha speluzzicato un punticino importante ma ha fallito una ghiotta occasione per mettere in cascina punti pesanti.

Ho visto solo una porzione di partita, la prima parte del secondo tempo, che dovrebbe essere stata la parte più noiosa, quella in cui gli attaccanti della Fiorentina aveva esaurito le cartucce migliori. Poi, con l’ingresso di Eysseric e Falcinelli, e vista l’ora, ho preferito avviarmi a casa per il pranzo domenicale.

Quello che ho visto in diretta non mi è piaciuto perché la Fiorentina è apparsa spenta, demotivata e per niente in grado di superare la Spal che, al contrario, si è difesa ordinatamente ed ha anche provato qualche sortita pericolosa in avanti.

Per fortuna stamani ho ricontrollato gli highlight e mi sono fatto tutta un’altra idea, la Fiorentina ci ha provato con le sue forze, che sono quelle che sono, e con il suo centravanti da 30 potenziali milioni, che anche ieri ha fallito una clamorosa occasione. L’uomo migliore rimane Chiesa, che però viene fatto giocare lontano dalla porta, gli altri: Saponara, Eysseric, Bel Dias, sono dei giocatorini che non riescono a mettere in fila due giocate consecutive. Al bel dribbling non segue mai un bel tiro, e quando il tiro è bello non è preciso. Insomma, i nostri giocatori offensivi sono per partite da zero a zero.

Però abbiamo mosso la classifica e rimaniamo in corsa per qualcosa.

Oro: Chiesa

Medaglia di OroE’ sempre Chiesa l’uomo in più, l’unico che quando salta l’uomo crea scompiglio, quella che la difesa avversaria marca con più attenzione. Suoi gli assist più belli per Simeone, che li fallisce entrambi, clamoroso il primo. Quando poi si spenge Chiesa si spenge anche la Fiorentina.
 

Argento: Dabo

Medaglia di ArgentoInsieme a Veretout macina kilometri e recupera una grande quantità di palloni facendo sentire il peso della sua stazza in tutto il centrocampo. Peccato che non abbia tecnica sufficiente ad aiutare l’attacco.
 
 

Bronzo: Veretout

Medaglia di BronzoLui e Dabo si sobbarcano tutte le la parte di quantità del centrocampo viola riuscendo bene nella fase difensiva e meno in quella propositiva. Contro avversari nettamente più deboli si fa sentire l’assenza di Badelj.
 

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.