La partita dei complessi

Diciamo subito che Sportiello c’ha messo del suo per cambiare improvvisamente volto ad una partita, che probabilmente era studiata da entrambi gli allenatori per rispettare certi equilibri ed invece la gara è subito degenerata. Il portiere viola sbaglia ad uscire, sbaglia a rinviare, sbaglia a mettere le mani sul tiro di Immobile, anche se alla fine è stato un modo anche per ripararsi un po’… e dire che era chiara occasione da gol forse è un po’ azzardato, visto la posizione e visto che c’era comunque un giocatore a presiedere la porta. Questo per dire che ci stava punizione, ma ci poteva stare il giallo. Da qui parte la partita dei complessi, in primis quelli di Damato, che da’ un rosso a cuor leggero a Murgia come fallo ultimo uomo su Chiesa: punizione, gol di Veretout. Dopo poco, inserimento di Biraghi su assist di Chiesa, fallo, rigore… e Damato con i suoi complessi, non se la sente di dare giallo e quindi espulsione al giocatore già ammonito. Questo fil rouge continua, con n episodi da VAR e Damato incapace ormai di prendere una decisione che sia una. Sembrava regolare il gol in fuorigioco di Simeone, era giustamente fuorigioco il rigore tolto a Immobile… però una partita strana, giocata in 10 per parte e con un arbitro in confusione.

Detto questo una partita dei complessi anche per la Fiorentina, complessi di inferiorità, dal momento che ha giocato sempre temendo la Lazio, come se fosse rimasta in inferiorità numerica. Certo lo scherzo di Sportiello ha praticamente reso insensata la presenza di Gil Dias in campo, visto che ha fatto il terzino e ha comportato un forte dispendio in mezzo al campo per Dabo e Veretout, che comunque hanno fatto una grande partita. Fino al 3-3 sembrava che la Fiorentina avesse i modi e gli spazi per colpire una Lazio forte davanti, ma abbastanza impalata dietro: però come al solito ci sono stati un po’ di errori, un po’ di scelte sbagliate e come detto spesso un po’ di complessi di inferiorità. Peccato, perché la Fiorentina poteva impattare questa gara e rimanere agganciata al settimo posto. Comunque Atalanta, Samp e Fiorentina sono tutte li in un punto ed il Milan poco sopra… i momenti trionfali come era facile immaginarsi sono finiti, però questi ragazzi meritano di essere sostenuti fino alla fine.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.