Stanchi e bastonati

La Fiorentina è stanca, come sono stanche diverse squadre che possono contare comunque su una rosa non troppo estesa e che magari hanno provato ad accelerare nel girone di ritorno, come per esempio il Milan… e non lo cito a caso. I viola hanno dovuto pagare molto anche sotto il profilo nervoso negli ultimi 2 mesi e fare a meno alla fine dei due capitani… oggi anche del terzo. Che è stanca si capisce dalle mosse di Pioli, che ha fatto tirare il fiato a Biraghi e a Simeone, con due sostituti che abbassano in modo non trascurabile il tasso tecnico e tattico.Però oggi non possiamo NON parlare degli arbitri: lo abbiamo fatto anche mercoledì, ma per sottolineare che Damato era in piena confusione e probabilmene anche abbastanza scarso. Oggi invece la cosa è poco spiegagile, se non con scelte mirate: prima di tutto non si capisce perché sia dovuto venire Irrati, che domani sera dovrà arbitrare il big match. Non si capisce poi perché in una partita che nella prima parte del primo tempo era giocata a rallenty, senza tensione e contatti pericolosi, si sia messo ad ammonire (… i viola) a ripetizione: è ovvio che poi si presenta la situazione che induce il secondo giallo. E, seppur ricorrendo alla VAR, grazia un Berardi (già graziato prima per un fallo tattico in ripartenza) dandogli un giallo per un intervento a piedi alti in scivolata, senza alcuna possibilità di prendere la palla e con la certezza di andare a far male al portiere in uscita… ed in fatti Drago ha giocato tutto il secondo tempo mezzo zoppo.

Ho aspettato allora stasera per scrivere per avere la controprova, che è arrivata puntuale: il Milan è alle corde, ha perso meritatamente con il Benevento, giocando gli ultimi 20 minuti in superiorità per una doppia ammonizione a Diabate quasi ridicola, usufruendo di un recupero che si allungava ad oltranza. Ieri Fassone diceva che la Fiorentina era una minaccia per l’Europa… soprattutto per il fatto che il MIlan è appunto sulle gambe e che all’ultima c’è anche scontro diretto. Questa è una situazione già vista ed i vari Bucchioni, Brovarone ecc, invece di riprendere a sputare sentenze, farebbero meglio a fare rumore su questi eventi, come sanno fare bene i giornalisti che (veramente) appoggiano certe squadre.

Vorrei parlare anche del campo, inaccettabile per un campionato di serie A: erba alta, rimbalzi da campo da amatori, quasi ingiocabile. E vorrei parlare anche del tempo effettivo, perché oggi ormai le partite hanno durate profondamente diverse (e spesso molto pilotate).

Si, sono partito con le scuse, ma oggi come non mai mi sembrano sacrosante e in gran parte a giustificazione di una prova comunque incolore della Fiorentina. Il primo tempo in particolare la squadra è stata molto timida, però il Sassuolo pressava molto, la squadra non riusciva a palleggiare (numerosi gli errori in ripartenza)… e poi è rimasta in 10, dopo aver giocato mercoledì ancora in 10 e con una giornata da 30 gradi. Sono straconvinto che in11 questa gara non l’avremmo mai persa e, fatta scemare l’aggressività degli emiliani, avremmo potuto vincerla.

Non voglio entrare neanche nei dettagli tecnici e tattici della partita, perché veramente questa squadra è stanca e bastonata. E siccome il Milan è sempre a tiro, vediamo cosa succede domani e continuiamo a sostenere questi ragazzi.

3 Commenti

  1. Io ho saputo che giocavamo sabato alle 18.30 quando ormai la partita era finita e non ho avuto occasione di guardarla.

    Limitandomi alla formazione titolare dico che giocavamo con Milenkovic e Hugo centrali e nessuno dei due ha più di 10 partite in serie A. Poi Dabo che forse non ne ha 5. Poi Falcinelli che è veramente la brutta copia di Simeone. Come terzino sinistro quel Maxi Olivera che in questo campionato ha sempre fatto piangere e che è destinato ad andarsene. Infine Saponara con la fascia di capitano che fa obbrobrio.

    E domenica giocheremo contro il Napoli, io sarei per regalare i tre punti!!! Tanto a loro servono a qualcosa a noi no.

  2. Ti stai Bucchionizzando? Io guarderei l’altra faccia della medaglia, ovvero con una squadra che ha zero esperienza e quindi con notevoli margini di crescita siamo ottavi come lo scorso anno… e con le casse che, se ai Della Valle torna un po’ di voglia anche dopo la sentenza definitiva su Calciopoli, possono permettergli di rifare qualche investimento interessante.

  3. No, no, no, per niente. Riconsco anche io il “valore” di una squadra giovane e ne riconosco anche i limiti. La mia era una piccola lamentela sull’allenatore che affianca ad una coppia centrale insperta un terzino sinistro disastroso. Non poteva sacrificare un altro pochino Biraghi?

    Purtoppo la Fiorentina di quest’anno merita 7 in difesa, 6 e mezzo a centrocampo e clamorosamnte 4 in attacco dove Chiesa predica nel deserto.
    Simeone è scarso ma ha solo 22 anni e ci si può anche illudere che abbia ampi margini di miglioramento, il resto della banda, e quindi Saponara, Eysseric e Gil Dias sono scommesse straperse. Falcinelli non lo conto nemmeno.

    Per fare un campionato un minimo interessante l’anno prossimo bisogna migliorare di molto l’attacco.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.