Le pagelle della Fiorentina 2017-2018

Le pagelle ricordando Astori

Finalmente è finito il campionato 2017-2018 e queste sono le mie personalissime pagelle a tutti: calciatori, allenatore, direttore sportivo e società.

Pagelle calciatori

Promossi

  • Sportiello 7+: qualche incertezza si, ma anche tante partite dove è stato il migliore in campo. Confermato a meno che non arrivi di meglio. Ma quanti sono migliori di lui in serie A?
  • Biraghi 7: una splendida stagione dopo un inizio sofferto. Fosse affiancato da un pari livello avremmo una splendida coppia di terzini sinistri.
  • Hugo 7: qualche incertezza in avvio ma una prima stagione in Italia sicuramente positiva.
  • Laurini 6.5: spero che Corvino lo confermi perché da tanto tempo a Firenze non avevamo un terzino destro del suo livello.
  • Milenkovic 7: prima stagione in Italia veramente positiva.
  • Pezzella 8: una delle sorprese più belle di quest’anno.
  • Benassi 8: ha giocato praticamente sempre su livelli medio alti condendo tutto con qualche gol.
  • Veretout 9: il miglior acquisto dell’anno.
  • Dabo 6.5: da confermare per il centrocampo del prossimo anno.
  • Chiesa 8.5: ha confermato le potenzialità intraviste lo scorso anno nonostante Pioli non gli abbia ancora ritagliato addosso il ruolo giusto. Manca qualche gol.
  • Simeone 8: 14 gol in serie A parlano da soli anche se permangono incertezze nella gestione della palla.

Rimandati

  • Badelj 6: tante buone partite, diverse partite piatte, vari errori decisivi. In questi anni a Firenze non è mai stato decisivo, né continuo. Deciderà Corvino e non ci strapperemo i capelli dovesse andarsene.
  • Thereau 6: ottimo inizio per poi perdersi durante la stagione. 7 gol in 22 presenze in serie A sono un buon risultato ma va per le 35 primavere e non mi sembra opportuno investire su di lui.
  • Lo Faso n.c.: lo ricordo in campo una sola volta e quindi è impossibile giudicarlo. Visto che è italiano e giovane gli sono vicino sentimentalmente ma di più non posso dire.

Bocciati

  • Dragowski 5: l’abbiamo visto poco e avremmo preferito non vederlo.
  • Gaspar 5.5: mi piacerebbe vederlo giocare da ala ma Pioli non è del solito avviso quindi dovrebbe partire.
  • Olivera 4: una partita positiva in tutto l’anno e tante altre da dimenticare. Vediamo se quest’anno Corvino riesce a sostituirlo degnamente.
  • Dias 5.5: proprio come Tello lo scorso anno, due fiammatine ogni tanto che hanno portato tanto fumo e pochissimo arrosto.
  • Cristoforo 4: se l’anno scorso aveva fatto intravedere qualcosa quest’anno ha confermato di non essere adatto a noi.
  • Saponara 4.5: giocatore tantissimo fumo e niente arrosto. Lo rivedremo anche l’anno prossimo in quanto invendibile.
  • Eysseric 3: per me la disgrazia di quest’anno. Troppe volte è sceso in campo e tutte le volte ha fatto vedere di non essere adatto al calcio italiano. Negativo sotto l’aspetto tecnico e quello dell’impegno. Un ragazzo della primavera avrebbe fatto peggio?
  • Falcinelli 4: veramente la brutta copia di Simeone. Corvino dovrà trovare un centravanti di riserva esperto e affidabile per l’anno prossimo.
  • Babacar 5: ormai non c’entra più niente con noi ma vorrei dire che mi dispiace che si sia perso tra le sue potenzialità. La sua fine a Firenze è stata segnata dal gol sbagliato con l’Atalanta e dall’indolenza costante.

Pagella Pioli

Credo che Pioli si debba meritare un voto alto per come ha saputo gestire la squadra dal punto di vista caratteriale ed umano, la squadra ha (quasi) sempre messo l’anima in campo e (quasi) nessun avversario ci ha sovrastato di volontà nella vittoria. Non posso dire la stessa cosa per quanto riguarda l’aspetto tecnico visto che Pioli non ha saputo esaltare le doti di Chiesa e ha insistito troppo con calciatori di evidente scarso valore come Saponara e, sopratutto, Eysseric.
D’altra parte bisogna riconoscere a Pioli varie attenuanti quali la mancanza di un centravanti alternativo a Simeone, la mancanza di una vera seconda punta, un centrocampo corto, corto, la tragedia Astori e la rosa molto giovane oltre che in buona parte esordiente in serie A.
Pioli è promosso con voto 7.

Pagella Corvino

A me Corvino piace e anche quest’anno ha avuto ragione lui perché ha ringiovanito tutta la rosa, l’ha nettamente migliorata e ne ha ridotto sensibilmente i costi di gestione. Ci sono mancati i vari Borja Valero, Vecino, Bernardeschi, Kalinic? Nessuno, tutti degnamente sostituiti con calciatori di pari o miglior livello.
La domanda che mi opprime è: chi venderà quest’anno per far quadrare i bilanci? Ci sarà bisogno di vendere, e quindi ripartire, oppure si potrà vedere una Fiorentina che conferma tutti i migliori e investe qualcosina in 3/4 ruoli da sistemare? Perché aggiungere qualche giovane italiano ambizioso a questa rosa potrebbe darci qualche soddisfazione.
Corvino è promosso con voto 8.

Pagella ACF Fiorentina

Dopo i due anni ridicoli con in panchina l’innominabile mago portoghese accasatosi in Cina i DV hanno saputo ripartire egregiamente con Corvino e Pioli garantendoci un campionato interessante fino alla penultima giornata. I tifosi veri, quelli con una minima cognizione di calcio che non si limitano a becerare, hanno capito che fino a quando non ci sarà lo stadio la musica sarà questa e hanno accantonato i fatui sogni di gloria di Cecchigoriana memoria, accettando di infiammarsi per un’onesta squadra di ragazzi che gioca senza retropensieri.
ACF Fiorentina è promossa con voto 9.

Auguro a tutti dei meravigliosi mondiali di calcio e chiudo la stagione rammentando ancora una volta il nostro capitano Davide Astori, che ricorderemo per sempre come una persona esemplare.

4 Commenti

  1. Condivido quasi in pieno la disamina di Simone, al di la di mezzo punto in più o meno di qualche giocatore, che comunque non fa la differenza. Ci sono due questioni però delicate, su cui ho un’opinione un po’ diversa:
    la prima è Sportiello. Sono d’accordo sul fatto che non è facile trovare (alle cifre della Fiorentina) qualcosa di meglio, a meno che non si decida di avere coraggio e cambiare politica, ovvero spazio a Cerofolini con un tutor tipo Marchetti. La questione portieri è sempre delicata e bisogna stare attenti a non screditare le soluzioni (ricordate il bagno di sangue con Neto-Viviano?). Personalmente andrei a far giocare sia Cerofolini, sia Dragowsky, punterei su Sportiello e troverei un secondo di affidamento, in particolare se facciamo la Uefa, a cui dare appunto la competizione europea.
    L’altro punto riguarda Saponara: ha una grossa attenuante, che è quella di non aver fatto la preparazione, di esser stato disponibile praticamente a fine anno 2017, di aver vissuto come e più di altri la tragedia Astori. Non era uno sconosciuto, non si disimpara a giocare in pochi mesi, merita un’altra chance e può essere comunque un punto di forza della nuova Fiorentina.
    Un discorso a parte poi per Eysseric, che ha ovviamente deluso. La sua stagione non vale 3, ma è comunque insufficiente. Diversamente da Saponara non abbiamo però appigli, perché è la sua prima esperienza in ITalia. CI rimangono solo le buone parole di Antognoni ed altri addetti ai lavori: troppo poco purtroppo in questo calcio e visto che è stato pagato veramente poco, a poco probabilmente Corvino lo piazzerà da qualche altra parte: speriamo solo che non faccia come Ilicic…

  2. Se vado a riguardare gli ultimi portieri passati da Firenze non vedo una grossa differenza tra Neto, Viviano, Tatarusanu e Sportiello. Ognuno con pregi e difetti, ognuno con qualche grave errore annuale garantito.

    Io ho paura che Saponara sia esattamente uguale ad Eysseric ma sia stato pagato un botto. Non ho fiducia in nessuno dei due ma riconosco le attenuanti di Saponara.

    Ho anche controllato le sue statistiche:
    2011/2012 B Empoli 30 presenze
    2012/2013 B Empoli 36 presenze
    2013/2014 A Milan 7 presenze
    2014/2015 A Milan 1 presenze + Empoli 17 presenze (rispedito a casa)
    2015/2016 A Empoli 33 presenze
    2016/2017 A Empoli 18 presenze + Fiorentina 11 presenze
    2017/2018 A Fiorentina 11 presenze (con attenuanti)

    Quindi questo Saponara ha fatto bene in serie B, da Milano l’hanno cacciato, poi tornato a casa ha fatto bene mezzo campionato con Sarri e benino anche con Giampaolo per un campionato intero di serie A.
    Finché è arrivato da noi e ha fatto quasi pena. Quindi negli utlimi 5 anni di serie A ne ha giocati 3 e solo uno buono.
    Ritorno al mio concetto iniziale: Saponara è servito soltanto a prendere più soldi per Bernardeschi.

  3. A parte l’annatona in serie B, dove fece 13 gol, occorre dare una lettura e completezza alle statistiche: annata 2013 2014 disastrosa per il MIlan, con ottavo posto, 3 allenatori, sgrandinio di presenze con oltre trenta giocatori utilizzati. Con l’Empoli in serie A, 68 presenze, 14 reti, 15 assist, ovvero un giocatore da circa 7/8 gol a stagione con altrettanti assist: numeri da trequartista che non può valere meno di 10 milioni. La domanda vera è: Pioli vuole giocare ancora con il tre-quartista? E Saponara può fare eventualmente la mezzala?

  4. Per me vale la pena di giocare con il trequartista quando si chiama Baggio o Totti o giocatori simili, altrimenti meglio lasciar perdere. Saponara è bono a poco!!!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*