Vice per sempre

Direttamente dalla voce del direttore Pantaleo Corvino abbiamo saputo ieri sera che Badelj non sarà più un giocatore della Fiorentina ed oggi è arrivata la lettera di saluto da parte del giocatore. La vicenda, come al solito, apre a tante interpretazioni e soprattutto divide tifosi e critica sportiva. Sicuramente a febbraio tutti eravamo certi della partenza del croato, poi c’è stata la tragedia di Davide Astori, c’è stato lo straziente saluto al capitano da parte del vice, Milan appunto, c’è stato un finale di stagione con la fascia al braccio e la voglia di condurre la squadra viola ad ottenere qualcosa di importante ed insperato, c’era la sensazione che potesse accadere qualcosa di diverso dai precedenti di Neto, Montolivo, Gonzalo. C’avevano sperato molti tifosi, probabilmente c’aveva sperato anche Antognoni e soprattutto Pioli. La Fiorentina ha fatto un tentativo degno per trattenere il giocatore a Firenze: quattro anni con un ingaggio di 1,5 milioni. Per qualcuno la società poteva fare di più, ovvero alzare un po’ la proposta, con il rischio però di far degenerare di nuovo il monte ingaggi. Badelj da parte sua, al di la del messaggio di amore, ha detto che si vuole mettere ancora in gioco, ovvero a 29 anni Firenze gli sta un po’ stretta, forse più per ambizioni che per denaro. Qualcuno ha detto che con uno stipendio comunque degno poteva diventare il nuovo vero leader della Fiorentina.

Al di la delle varie considerazioni fatte sopra, dei loro pro e dei loro contro, penso che questo sia stato il giusto epilogo: personalmente non metto in dubbio le qualità del giocatore e dell’uomo e penso potesse essere davvero il punto di riferimento tecnico, tattico e comportamentale in una squadra mediamente giovane. Però la storia, il destino, ha voluto che Firenze avesse per sempre una bandiera, Giancarlo Antognoni, avesse per sempre un capitano nel cuore, Davide Astori, e che trovasse un suo vice sensibile, onesto, autorevole, bravo, nel condurre in porto una squadra di giovani emergenti, che poteva rischiare di affondare nel mare della disperazione. Penso che alla fine questo destino abbia pesato per la decisione del proprio futuro: al di la di soldi ed ambizioni, Milan Badelj non voleva correre il rischio di essere comunque un vice per sempre… al tempo stesso noi tifosi saremo riconoscenti a questo giocatore e a questo uomo e sarà per noi un degno vice per sempre. E quindi, il momento giusto per separare le strade, augurargli tutto il bene e pensare ad una Fiorentina completamente marcata Pioli/Corvino con un capitano di nuovo corso.

1 Commento

  1. Come hai scritto? Neto, Montolivo, Gonzalo e ora Badelj. Discreto giocatore con qualche buona caratteristica ma di una lentezza esasperante e con margini di crescita ormai ridotti a zero. E Corvino gli ha fatto fare bella figura e l’ha spedito a casa. Vada dove vada per noi è un successo.

    Invece abbiamo confermato Pezzella che è stato il secondo miglior acquisto della stagione.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*