Vlahovic: (più di) una promessa?

La Fiorentina ieri ha presentato Dusan Vlahovic; lo ha fatto in particolare Giancarlo Antognoni, snocciolando qualche numero sul ragazzo, sicuramente precoce in termini di contatti con il calcio professionista ed imponenti anche dal punto di vista fisico: 18 anni, alto 190 cm, esordio a 16 anni nel Partizan, con cui ha fatto 21 presenze ed un gol, 8 presenze nella nazionale serba Under 19 con 2 reti. Insomma Antognoni ci dice che abbiamo qualcosa in più di una promessa. Devo dire che dall’arrivo del primo Corvino nel 2005 negli anni si sono avvicendate tante promesse, molte delle quali già dimenticate; me ne viene in mente una su tutte, Arturo Lupoli, se non altro perché a fronte di una carriera modesta, nel tempo ha continuato a rilasciare interviste da “top player”. Al di la dei paragoni (secondo me sempre inappropriati) con Ibrahimovic, al tempo stesso devo dire che su questo ragazzo c’è una curiosità (e diciamolo anche un po’ di speranza) che non si respirava da tempo. Non deve essere questo un modo per mettere pressione o creare subito false aspettative: però Antognoni, che parla poco e non ha una grande arte oratoria, solitamente alle frasi di rito, se è il caso, abbina sempre concetti calcistici chiari ed in questo caso ci dice che abbiamo qualcosa di più di una corvinata. E allora non ci rimane che dire: benvenuto Dusan Vlahovic, in bocca al lupo e… al campo come sempre le giuste sentenze.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.