Il vento smorza la Fiorentina

Sapevamo che sarebbe stata una partita spigolosa, perché il Cagliari è una squadra cattiva, ma che gioca anche a calcio. C’è poi sempre l’incognita della ripresa del campionato dopo le nazionali, con praticamente gran parte della rosa viola spersa in giro per il mondo fino a pochi giorni dal match. Per di più un fortissimo e fastidioso vento ha accolto l’ingresso delle squadre in campo e non ha mollato fino alla fine. E’ anche per questo che la Fiorentina ha praticamente regalato un tempo al Cagliari, quando, giocando contro vento, non ha avuto il coraggio e/o la forza di attaccare con una certa intensità. Diversa la ripresa, dove i viola hanno cambiato marcia, hanno iniziato a creare qualcosa e hanno trovato abbastanza presto il vantaggio, con il rigore di Veretout, per un fallo di Barella su Chiesa. Due parole sul talentino sardo: è bravo, diventerà probabilmente molto bravo. Però oggi ha commesso tre falli molto duri ognuno da ammonizione, s’è preso il giallo solo sul rigore e non ha mai smesso di protestare… a proposito degli esempi di Gasperini.

Dopo il gol il Cagliari ha messo Pavoletti ed ha iniziato a giocare con palle alte lunghe. Poteva sembrare una mossa azzardata giocando contro vento, ma in realtà le traiettorie rallentate hanno consentito al Cagliari di conquistare campo, grazie soprattutto al lavoro di Pedro e dello stesso Pavoletti. E proprio la puntasu un cross basso ha bruciato sul tempo Pezzella. Peccato, una volta in vantaggio pensavo davvero che la Fiorentina potesse arrivare alla quinta vittoria. Invece in un modo o nell’altro il vento smorza la Fiorentina e quindi siamo li, nel mucchione di chi ancora non ha deciso che campionato sarà, ma senza avere per ora perso niente.

Venendo a noi, abbiamo evidentemente un problema attacco, con Pjaca e Simeone che non stanno offrendo prestazioni all’altezza. Difficile ora la posizione di Pioli, preso fra la necessità di dare fiducia e l’esigenza di cambiare un po’ marcia, anche perché Mirallas e Vlahovic stanno scalpitando. Stasera c’è sicuramente un po’ di delusione, anche se la classifica, i risultati stessi di giornata, ci fanno capire che ogni squadra deve giocare al meglio se vuole vincere… compresa la Juve.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.