Il problema è…?

Già l’ambiente viola aveva mal digerito le tre sconfitte esterne (fra l’altro non meritate) con Napoli, Inter e Lazio, ovvero seconda, terza e quarta in classifica. Con il pareggio interno con il Cagliari è scattato subito l’allarme. Mi verrebbe da dire: tutto normale, siamo a Firenze! Ma cerchiamo di affrontare un po’ i temi della settimana e allora la domanda è: qual è il problema? Possiamo darci al Bucchionismo e dire che manca il sostituto di Badelj, Fernandes è un giocatore normale (… menomale mi verrebbe da dire, visto quello che c’è in giro), Norgaard lo conosce solo Corvino, Gersone bocciato, Simeone ha bisogno di un sostituto che poteva essere Borriello (o visto che è andato ad Ibiza, magari anche Riganò), Pioli un normal one buono solo a tenere il gruppo e che alla fine comunque tutta la colpa è di Corvino che ha puntato tutto su Pjaca (ovvero l’unico che ha una riserva all’altezza come Mirallas). Insomma, come sempre frasi a caso, che lui stesso monta e smonta ogni tre giorni. Quindi fino a qui mi sembra più un problema di Bucchioni e dei suoi seguaci, che della Fiorentina.

Andando oltre, ho letto che il problema è che Chiesa è troppo forte e troppo solo, che Pioli fa troppo affidamento su Veretout che in questa fase è in formissima, che Milenkovic ormai è nel mirino di mezza Premier.Problemi che tutti gli allenatori vorrebbero avere di questi tempi.

Tranquilli… ci sono in effetti dei problemi, che sono fondamentalmente legati alle prestazioni di alcuni singoli: l’apatia con cui sta giocando Pjaca, la mancanza del gol di Simeone (tanto conta quello per i giudizi di tutti e per i punti della Fiorentina), le prestazioni a tempo ridotto di Gerson  ed un passaggio a vuoto (dovuto anche ad infortunio) di Benassi. Sono queste le cause di alcuni punti persi della Fiorentina. Problemi di una FIorentina che oggi è sesta, a 4 punti dal quarto posto. E’ vero che c’è un gran mischione in classifica fra il quinto ed dodicesimo posto, però non possiamo dimenticare che la Fiorentina li c’è. E qualsiasi giudizio obiettivo, in una fase ancora di assestamento del campionato, dovrebbe anche valutare che i problemi di cui sopra non sono strutturali, bensì personali e ci auguriamo tutti temporali; non possiamo oggi pensare che in Pjaca, Simeone, Benassi non ci siano dei valori, perché già sono stati in grado di dimostrarli, fra l’altro tutti anche nel giro delle proprie nazionali e nazionali di primo livello. Possono esserci dubbi su Gerson, ce li ho anche io, ma secondo me Pioli ha anche alternative a questo giocatore, specialmente se, come dice lo stesso tecnico, anche Norgaard sta crescendo. E’ vero che ragazzi come Pjaca e Simeone in questo momento sono in difficoltà… però Firenze ha una capacità di mettere pressione addosso a questi giocatori come succede in poche altri posti… tipo Roma per esempio, dove i nuovi (e vecchi) di Di Francesco certo non se la passano meglio che dalle nostre parti.

Almeno in questa fase e secondo me per un po’ di giornate ancora, questo campionato ha le logiche del gruppone, dove tutti sorpassano un po’ tutti e l’importante è non consumare energie nervose se qualcuno ti mette la ruota avanti. Questa è la fase per consolidare, rafforzare, prendere fiducia, perché poi arriveranno allunghi veri, tentativi di fuga e/o prepazione a volate finali. E siccome la Fiorentina è li, non è ancora momento per rivedere strategie, gerarchie, priorità, ma solo quello di pedalare convinti, uniti.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.