Sgomitate nel gruppo

Nell’articolo di qualche giorno fa avevo paragonato la classifica della Serie A, che va dal quinto al dodicesimo posto, al gruppone del ciclismo in cui, al di la delle schermaglie, ci si muove compatti. Il pareggio di stasera a Torino rappresenta le classiche “sgomitate nel gruppo”, aspre e poco tecniche, per rimanere li e per non dare spazio agli altri. Non è stata una bella partita, forse il Torino è stato più convinto nelle giocate, ma la Fiorentina ha avuto le occasioni migliori per vincere. La Fiorentina è ancora alla ricerca della prima vittoria esterna, ma il punto di stasera non è comunque da buttare.

Pioli non ha apprezzato il modo con cui la Fiorentina ha provato a ripartire, ma d’altra parte Mazzarri la partita l’aveva impostata tutta li, nella fase di ripartenza ed impostazione del gioco dei viola: pressing asfissiante, aggressivo, agevolato anche dal campo appesantito dalla pioggia insistente. Riguardo alla formazione, non mi aspettavo il cambiamento tattico in avanti, con la rinuncia alla punta centrale, con Mirallas e Eysseric al posto di Simeone e Pjaca. Direi esperimento non riuscito ed infatti ad inizio ripresa è entrato Simeone al posto del francese. E soprattutto Mirallas non è stato migliore di Pjaca. Penso che Pioli debba ancora puntare sul tridente titolare, come penso che Benassi sia comunque importante per il nostro centrocampo. Per quanto riguarda Simeone, è evidente che stia attraversando un momento no e la giovane età non l’aiuta a liberarsi da questa situazione. Nell’ottima occasione che ha avuto, ha fatto tutto bene, ma non ha fatto gol; nei rimpalli la palla non va mai dalla parte giusta. Magari in certi casi potrebbe cercare di essere “più ignorante”, chiudendo gli occhi e scaricare tutta la rabbia sulla palla.

Vorrei chiudere con due parole su Mazzarri… inpresentabile. Prima di tutto non capisco perché tutti si debbano sentire liberi di parlare e commentare i gesti dei tesserati viola. Questa sua uscita: “Pioli ha fatto di tutto…” spero venga stigmatizzata dalla Società al pari dell’uscita di Gasperini. Ed entrando nel merito, davvero Mazzarri pensa di avere un atteggiamento simile a Pioli in panchina?! E al di la di mezza ammonizione che può mancare a Hugo (anche se l’intervento di Rincon era nettamente più pericoloso, da arancione direi), la direzione di stasera è stata buona e sicuramente non ha influito minimamente sul risultato. Mazzarri è tornato ad essere quello di sempre, bravino, ma limitato enormemente da un carattere che vede una commistione di presunzione, prosopopea, vittimismo. Elementi che vengono particolarmente fuori quando i risultati sono inferiori alle attese.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.