Punto di solidità

Usciamo da questa gara un po’ con l’amaro in bocca, perché mancavano pochi minuti al 90-esimo, quando Florenzi ha pareggiato la rete di Veretout. Anche perché, mentre nel primo tempo la Roma aveva effettivamente fatto la voce grossa, giocando meglio della Fiorentina e sprecando due/tre ottime occasioni, nella ripresa la partita è stata molto equilibrata ed anzi sono stati i viola a sprecare le migliori occasioni. Questo è comunque un punto che mostra la solidità della squadra viola. La Roma, come detto, nel primo tempo ha forzato molto, ha cercato di mettere sul piano fisico la gara, oltre ovviamente a mostrare le ottime qualità tecniche. Ma se è vero che la Roma ha sprecato qualche occasione, la Fiorentina ha retto il colpo ed è riuscita anche ad andare in vantaggio con il rigore procurato da Simeone. E se pensiamo come andò proprio un anno fa, si capisce i passi in avanti fatti dalla squadra di Pioli: nella nostra rubrica matita a segno sottolineammo infatti che la Roma era di un altro livello. Oggi il gap è sicuramente ridotto; la Fiorentina ha tenuto nel primo tempo e nella ripresa avrebbe potuto anche chiudere la gara. Peccato per l’uscita riuscita a metà di Lafont (che comuqnue ha fatto alcuni interventi veramente difficili). Peccato, appunto, non essere riusciti a trovare il raddoppio e qui veniamo un po’ al punto dolente: l’attacco. Mirallas ancora non riesce ad incidere e Simeone, purtroppo, sembra essere entrato in un tunnel complicato. Questo doveva essere il suo anno, ma il tempo inizia a sfuggirgli ed è evidentemente non lucido nelle sue giocate. Nel rigore aveva sbagliato un controllo semplice, per fortuna recuperato con un guizzo che ha mandato fuori tempo Olsen. Ha avuto una buona occasione dal limite, calciata malamente. Si è soprattutto inspiegabilmente fermato nella bella azione in percussione Chiesa-Benassi-Chiesa, quasi come se fosse sicuro che Federico ormai calciasse in porta (ma non è così che deve ragionare un attaccante). Sembra entrato invece con un buon piglio Pjaca, ma aspettiamo ovviamente conferme. Conferme sono di nuovo arrivate invece dalla difesa, artefice principe della solidità viola. Oggi comunque bene anche Gerson e con l’entrata di Fernandes tutto il centrocampo sembrava poter reggere l’urto dei giganti romani.

Il pareggio alla fine è un risultato giusto e, se da una parte crea problemi al campionato della Roma, alla squadra di Pioli da più certezze che dubbi. Certezze che ora dobbiamo andare a capitalizzare nei turni più favorevoli.

1 Commento

  1. Ho visto solo il secondo tempo quindi posso commentare solo quello.

    Ho visto una Fiorentina reggere dignitosamente il campo supportata da una difesa rocciosa (ormai lo sappiamo) anche se con un portiere che alterna belle parate a belle cazzate. Ma i giovani vanno fatti giocare con fiducia per poi tirare le somme a Maggio.

    Il momento più bello per me è stato l’ingresso in campo di Fernandes, quando ho visto la “mia” Fiorentina, quella con quattro centrocampisti veri e due punte. Ho anche pensato che finalmente Piolo avesse avuto un’illuminazione dal Dio del calcio. Invece l’illuminazione è durata poco, perché per gli ultimi quindici minuti Piolo ha scelto di togliere Simeone, che non serve a niente quando si attacca ma vale uno e mezzo quando si difende, per mettere Pjaca che ha giocato una partita pessima toccando due palloni in quindici minuti e facendo segnare il suo uomo.

    Chiaramente per i tifosi che fanno OH… la prestazione di Pjaca è stata convincente.

    Piolo purtoppo continua a mettere in campo la Fiorentina sbagliata e persevera negli errori:
    – Veretout è una delle migliori mezzale del campionato e viene fatto giocare mediano
    – Simeone, che è comunque un giocatore limitato, viene spremuto per fare pressing e non ha poi lucidità sotto porta. Quando riusciremo un attacco a due punte, un centravanti che sappia fare uno scambio e un Chiesa che gli gira intorno?
    – Pjaca, Mirallas e il francese che non oso nominare perché non è un giocatore di calcio, vengono costretti a giocare con troppi compiti difensivi
    – Chiesa, che è il nostro top player troppe volte si trova a fare il terzino

    Peccato davvero perché quest’anno la Fiorentina sarebbe, con l’incognita Simeone, costruita davvero bene. Spero che i DV facciano i conti a Maggio e facciano fuori Piolo, ottima persona, ma tecnicamente molto scarso. Solo Sinisa peggio di lui. Sigh!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.