RinFrancAti

In questo fine campionato anomalo scrivere un post partita con due giorni di ritardo rende tutto obsoleto e anche fuori tema, visto che siamo già in pieno pre-partita. Però la vittoria contro il Torino è importante e quindi due parole bisogna scriverle. La prima è che siamo matematicamente salvi. La seconda che siamo rinFrancAti. Si perché la salvezza arriva con un successo al Franchi che mancava da mesi. E arriva dando continuità ad un trend di crescita della squadra. Intendiamoci… niente di eccezionale, però niente a che vedere con il grigiore visto fra fine giugno ed inizio luglio. Penso che la Fiorentina fosse veramente in difficoltà per il numero non trascurabile di giocatori che hanno contratto il virus. E in questa chiave, prima di fare processi frettolosi, leggerei anche le difficoltà di Vlahovic e lo stesso Caceres.

Ritornando alla gara, dicevamo una Fiorentina discreta. Buona organizzazione in campo, buona tenuta, un giusto equilibrio fra possesso e veriticalizzazioni. Insomma, questo finale quanto meno riabilita un po’ Iachini, che non avrà difficoltà a trovare nuovi incarichi e a cui magai auguriamo di trovare anche un progetto tecnico adeguato.

Venendo alle prestazioni, come al solito grandi elogi meritati a Ribery. Però secondo me, adesso che possiamo/dobbiamo pensare al futuro, penso si debba fare un disegno tecnico preciso per il prossimo campionato e con il prossimo allenatore. Ribery ha classe, personalità, colpi da vendere. Però richiede un gioco che passi spesso dai suoi piedi, un gioco quindi ragionato. Pulgar non ha giocato male, ma comunque vive all’ombra del francese e la sua regia è sempre timida. Forse Ribery avrebbe bisogno di un giocatore alla Pizarro, andando un po’ a ricreare la coppia Pizarro-Borja della prima era montelliana.

Anche le scelte delle punte dovrà essere ben ponderata. Con questo Ribery alla fine due profili come Kouame e Cutrone (a segno entrambi) non sono poi così sbagliati, perché il francese e anche Catrovilli cercano molto scambi stretti e/o passaggi in profondità, mentre sono pochi i cross dal fondo.

In attesa di queste scelte, ci sono 4 partite per vedere se ce la facciamo a scalare nella prima colonna della classifica.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.