Chi è…?

No, non preoccupatevi, non sono iniziati i giochi e gli indovinelli da fare sotto l’ombrellone, visto che Simone ha decretato l’inizio delle vacanze. O quantomeno, svelo subito io la soluzione. Quello nella foto è un giovane Nicolò Zaniolo, che vestiva la maglia della Fiorentina. Sì è parlato tanto (direi troppo) di questo ragazzo negli ultimi due anni. E se ne è parlato molto anche in chiave Fiorentina. E’ stato infatti usato moltissimo per infamare a turno Corvino, i Della Valle, il settore giovanile viola e così via. Sarebbe interessante avere un elenco di quante parole si sono scritte e dette sul fatto che Zaniolo fu lasciato andare (o volle andare) via da Firenze alle porte della carriera da professionista. Un inizio nell’Entella, un passaggio dalla primavera vincente dell’Inter, l’approdo a Roma, dove è esploso e l’esordio in nazionale, quasi prima di iniziare a giocare in serie A. Insomma, il sogno di ogni calciatore. Tanto luccichio, ma quanto oro? Le doti tecniche del ragazzo sono indiscutibili, ma la domanda appunto rimane: chi è Nicolò Zaniolo? Perché via da Firenze, via da Milano così a cuor leggero? E soprattuto perché già così tanti episodi “extra calcistici”, per ultimo l’esclusione dai convocati e il successivo ripescaggio all’ultima ora? Nell’ultimo anno, con le luci della ribalta, si è capito che è un personaggio non facile. Molto forte la presenza dei genitori (che non è necessariamente un male, ma nel calcio spesso può creare problemi) e un carattere che per ora lascia molto perplessi.

Questo articolo non vuole arrivare a delle conclusioni, ma solo a sollecitare delle riflessioni. Il calcio di oggi si presta molto bene ad alimentare campioni viziati, perché come giocano una bella partita, sono tutti gli altri che hanno sbagliato. Secondo me dovremo invece vigilare bene e molto di più sui settori giovanili, per evitare di avere troppi campioni viziati. Perché la storia del calcio è fatta da fuoriclasse che avevano magari caratteri forti, ma che sono stati anche dei veri uomini. La storia del calcio ha lasciato spazio anche a qualche “maledetto” alla Best, alla Moroni e sicuramente altri. Ma ha sempre concesso poco ai campioni viziati, che alla fine hanno consentito solo di arricchire procuratori e il business esterno al calcio.

3 Commenti

  1. Il destino a volte è veramente perverso e ha voluto che ieri sera Zaniolo segnasse un gol strepitoso, potremmo dire alla Maradona contro Inghilterra, anche se ieri sera ha segnato il sesto gol di una gara chiusa da diversi minuti e non in una semifinale mondiale. Ovviamente non possiamo sapere oggi perverso nei confronti di chi, se di chi comunque critica campioni viziati, o magari contro il ragazzo stesso. Si, perché ieri sera ovviamente ne è uscito vincitore lui. Ha prevalso il campione e quindi viva il campione. E domani si vedrà.

  2. E mi viene da pensare subito a Chiesa, poi anche a Bernardeschi.
    Il ragazzino di Carrara ha strappato un contrattone alla Juve, gioca e non gioca, è bellino, qualcosina mette in mostra ogni tanto e la voglia di soffrire ormai per lui è un ricordo. E’ già sistemato per la vita.

    Chiesino è sulla strada, minori mezzi tecnici, forse migliori mezzi fisici, però anche lui ha allentato la parte mentale. Gioca come se non avesse da dimostrare più niente e pensando di essere già arrivato almeno ai livelli del padre.

    Infine mi viene da pensare anche al Cholito. Su di lui si può dire di tutto, ma non si può dire che non abbia la testa per soffrire e per buttarsi su ogni pallone. Ecco al Cholito mancano mezzi tecnici, ma non mancano gli attributi e la mentalità.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.