Punto dritto e rovescio

La Fiorentina porta via un buon punto dal Meazza. Un punto e la prestazione (ed è sempre bene vedere insieme le cose) che non contano tanto per la classifica, quanto per poter lavorare sul futuro. La Fiorentina ha subito per gran parte della gara la pressione dell’Inter. L’ha fatto soffrendo in alcuni momenti, difendondosi quasi sempre in modo ordinato e attento, aiutata dalla fortuna in due/tre occasioni. Ma come ha ammesso lo stesso Conte, potevamo anche vincerla alla fine. Da qui l’analisi di un punto dritto e rovescio. La parte buona viene quasi esclusivamente dalla difesa. HO fatto un esercizio sui voti dei giornali: la media della difesa è quasi 7, il resto sotto la sufficienza. Ieri i tre Pezzella, Milenkovic e Caceres hanno dimostrato di essere all’altezza di un campionato diverso da quello giocato in questi due anni dalla Fiorentina. E Terracciano ha dimostrato di essere un altro Primo portiere. Secondo me l’abbinata con Dragowski può essere veramente vincente per i prossimi anni. E di fatto, nelle ultime sei gare senza sconfitte, la Fiorentina ha subito solo 3 gol. Sono rimasto invece deluso dal centrocampo. Gli esterni molto timidi e forse troppo attenti a chiudere gli spazi dove l’Inter in effetti può far molto male. Però nel mezzo Badelj è sembrato quasi sempre un pesce fuor d’acqua, mai in grado di contrastare la forza fisica dell’Inter, ma anche mai decisivo per dare respiro e qualche idea alle ripartenze viola. Castrovilli non è andato male, ma si vede che non ha lo smalto di fine 2019 e ha perso tanti palloni e anche tanti scontri fisici. Duncan c’ha messo sicuramente più sostanza ed è quello che ha retto un po’ meglio il forcing dell’Inter. Però spesso spreciso anche lui con la palla al piede. Il centrocampo dovrà essere il vero reparto rivulazionato il prossimo anno. Certo Amrabat sarà un innesto fondamentale. Confidiamo nella crescita di Castrovilli. Forse vale la pena di vedere anche l’evoluzione di Lirola (che non mi è dispiaciuto nelle ultime apparizioni), Duncan può essere una buona riserva. Per il resto va ripensato completamente. E poi l’attacco. Dispiace dirlo, ma ieri era la partita in cui Ribery doveva riposare. Si è visto fin dai primi minuti che non aveva forza nelle gambe. E’ chiaro che quando ha la palla può inventare qualsiasi cosa. Ma ieri ha perso tantissimi palloni, alcuni anche in zone pericolose del campo. E Cutrone ha dovuto correre anche per lui, arrivato sfiancato già a metà gara. Qualcosa in più hanno fatto Chiesa e Kouame, compreso però il fatto di aver sprecato negli ultimi 16 metri un paio di ripartenze con cui era veramente possibile fare male all’Inter. Anche sull’attacco sono molte le riflessioni da fare. Ci sono tanti buoni giocatori in attacco, ma ad oggi non abbiamo un buon attacco. Qualcosa nel mercato Pradè si deve inventare. Ad ogni modo, sia Montella, che Iachini hanno dimostrato di non saper incidere sulla parte realizzativa.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.