L’orgoglio di Firenze

Partiamo dalla cronaca. La Fiorentina ha battuto nettamente il Cosenza nell’esordio in Coppa Italia e questa è già una buona notizia. Ho visto solo gli highlights, ma ritengo una buona notizia l’esordio con gol di Gonzalez, la doppietta dell’uomo mercato Vlahovic e soprattutto il fatto che i tifosi abbiano indicato in Maleh il giocatore migliore.

Questi sono però momenti complicati per la Fiorentina. E’ vero che lo sono per tutti, però oggi il tifoso viola rischia di perdere la direzione. Cosa veramente vuole costruire questa società? Dove e con quali principi e strategie ci vuole arrivare? Personalmente ancora non mi è molto chiaro. Certo, in questo cosidetto anno zero (che tutti sperano non sia un nuovo sinonimo di transitorio), una cosa da cui dovremmo ripartire penso sia l’orgoglio di Firenze. Abbiamo già scritto e più o meno ci siamo schierati sulla vicenda di Antognoni. Il nostro 10 è orgoglio di Firenze per la sua storia. Gestire la società, dirigere settori strategici è un’altra storia e i matrimoni combinati non possono funzionare. Volevo dire allora due cose del Giglio. Secondo me, oltre ad esserne lo stemma, il giglio è l’orgoglio di Fiernze. Penso siano davvero poche le società che possono ereditare dalla città un simbolo così particolare, diciamolo, così bello. Un simbolo che ha le sue regole, che sicuramente possono essere interpretate graficamente e stilisticamente, ma che non vedo perché debbano essere stravolte. Nei 95 anni di storia viola è stato bello vedere le diverse interpretazioni, i diversi stili. Un po’ di anni fa abbiamo deciso anche noi di iotifofiorentina.net di avere e registrare un nostro giglio, di cui siamo veramente orgogliosi. Da una società che si vuole rilanciare, mi aspettavo davvero un lavoro di fino intorno a questo simbolo… vediamo se avverrà magari il prossimo anno.

L’orgoglio di Firenze è storicamente anche quello di aver avuto spesso squadre di uomini orgogliosi di giocare e vivere a Firenze. La Fiorentina per molti può essere stata anche un momento finito della propria carriera, come fra l’altro ormai accade a tutte le squadre. Ma mai come adesso viene vista come un semplice trampolino: superati orami da Atalanta e Sassuolo, non siamo in condizioni migliori di Verona, Udinese e altre. E il problema non è (solo) che Berna e Chiesa sono voluti andare alla Juve o che Vlahovic potrebbe andare all’Atletico o all’Inter. Il problema è che Lirola fa le bizze di un bimbo per andare al Marsiglia e Milenkovic è in trattativa con il West Ham. Dove si vuole collocare allora questa società nel panorama del calcio internazionale?

Venendo al sodo, oggi l’orgoglio di Firenze si chiama Dusan Vlahovic. I discorsi potrebbero essere molteplici, ormai anche scontati e spesso contraddittori. Se l’Inter da oggi a domani perde Lukaku, è facile intuire quanto sia difficile fare calcio. E allora succede che l’unica medicina per l’orgoglio perduto è quello delle vittorie. Un gioco pericoloso però, che alla fine è costato caro ai Della Valle. Ai Della Valle in due occasioni però è riuscito molto bene sostenere l’orgoglio di Firenze: con Prandelli e con Montella. Con Italiano Commisso può aver fatto la scelta giusta. Ora però è arrivato il momento di far capire la direzione.

1 Commento

  1. Bravo per aver scritto qualcosa dove tocchi vari punti.

    Ti confermo che Maleh mi ha colpito in positivo, cosi come Calleon mi ha colpito in negativo. Esattamente le stesse sensazioni di tutti i tifosi.
    Non mi dilungo sul 4-0 contro il Cosenza, perché il Cosenza è di serie b, faccio solo notare che contro il Monza, ai tempi del professor Montella, soffrimmo per un tempo e mezzo. Domenica prossima vedremo se il calcio due tocchi di Italiano sarà adatto anche contro squadre di serie a.

    Sul giglio, che forse tocchi come argomento perché è riapparso il giglio dei Pontello, quello sparito esattamente ai tempi di Timisoara, io sono abbastanza neutro. Ho visto che il giglio di Firenze, quello vero, campeggia ancora sul sito ufficiale ed è l’icona dell’app ufficiale di ACF Fiorentina. A me tanto basta, il giglio c’è e la maglia è viola. E, a dire la verità fino in fondo, il giglio dei Pontello mi fa venire in mente il periodo più bello di Fiorentina che abbia vissuto, quello dello scudetto solo sfiorato.

    L’orgoglio di giocare per una squadra non esiste più, basta vedere Lukaku, che mi era sembrato avesse un certo senso di appartenenza, ma che non ha saputo dire di no alle sterline russe, con gran piacere dei cinesi.
    Commisso ha orgoglio, ha soldi e sta lavorando sul senso di appartenenza, però non ha lo stadio ed è solo al suo terzo anno dopo due dai risultati scadenti: quale forza contrattuale ha per trattenere Milenkovic? E Vlahovich?

    Fino a che non sarà finito il calcio mercato, mancano ancora le due settimane più calde, non mi voglio affezionare a questa Fiorentina; potrebbero sparire i due pezzi più pregiati e più giovani! Ma in cambio arriverebbero 80, 90, forse 100 milioni di euro.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.