L’inno lo suona Commisso

Rocco suona l'inno
Rocco suona l'inno

Parte il campionato, Rocco Commisso suona la carica. Come mi disse una volta il mitico Marco Vanneschi, che per me rimane un mito, “non nella forma ma nella sostanza”. E Rocco, nella forma è pittoresco, nella sostanza ineccepibile.

La Fiorentina si presenta ai nastri di partenza con la squadra incompleta, come tutte le altre del resto, senza sapere se potrà contare su uno dei migliori centravanti in circolazione (o 100 milioni), senza sapere chi giocherà in difesa e con poche certezze in vari ruoli chiave.

Però… però con la preparazione svolta tutta senza intoppi, con un allenatore che non lo si vede che lavorare e martellare, con un’altra amichevole che verrà giocata proprio oggi per mettere a punto gli ultimi dettagli e con una società che finalmente è rappresentata da una persona sola: Joe Barone in nome e per conto di Rocco Commisso.

Perché è Joe Barone che rilascia interviste con il punto di vista della società, perché è Joe Barone che presenta il nuovo allenatore, e Pradè annuisce, perché è Joe Barone che presenta, da solo, l’acquisto più costoso della storia della Fiorentina e afferma addirittura di conoscerlo da anni.

Partiremo a Roma, con la Roma di José Murinho, in uno degli esordi più frequenti per la serie A, e con tante belle speranze.

Forza viola, l’inno lo suona Rocco, che è un po’ come suonare la carica.

2 Commenti

  1. Mah… sono ancora un po’ confuso, anche perché appunto non sembra che tutte i pezzi siano al posto giusto. Una società per funzionare ha bisogno di uno che decide, ma di tanti che sappiano far bene il proprio ruolo. L’inno è bene che continui a suonarlo e cantarlo Parigi, o meglio le casse dello stadio per lui, come sarebbe bene che il mercato lo facesse Pradè e Barone si limitasse a dire che c’aveva già pensato lui, un po’ come il commissario Lo Gatto. Ovviamente su acquisti e cessioni è giusto che l’ultima parola venga dalla proprietà e per chi ne fa le veci, ovvero Barone, per quanto riguarda però prevalentemente gli aspetti economici-finanziari. Non percepisco ancora tutta questa linearità. Purtroppo sempre di più dobbiamo abituarci ad aspettare inizio settembre per conoscere la vera squadra con cui affronteremo la stagione. Questo problema diventa molto critico, se ogni volta gli addetti ai lavori la squadra devono inventarla nell’ultima settimana di agosto. Mi sembra che la cosa sia stata tenuta sotto controllo per quanto riguarda la difesa. NOn ho capito se Italiano pensa davvero che Pulgar sia il regista giusto. E sarebbe un vero enigma tecnico/tattico dover cedere nei prossimi giorni alle offerte stellari per Vlahovic, senza considerare che manca anche un esterno alto almeno semi-titolare.

  2. Vedo ora che Barone ha sempre parlato di rinnovo con Milenkovic e che Milenkovic non aspettava altro. Forse siamo davvero noi che non capiamo niente… 🙂 In questo caso, comunque, importante è il risultato, perché partire con il serbo al centro della difesa è davvero un valore aggiunto. Personalmente gli affiderei anche la fascia di capitano. Peccato però che abbia rinnovato solo di un anno. Non da certo un messaggio di legame stabile e lascia aperti retropensieri. Ad ogni modo, accontentiamoci così.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.