Brutta a metà

La Fiorentina targata Commisso 3.0 o se vogliamo la Fiorentina dell’era Italiano parte con una sconfitta che ci lascia con sensazioni contrastanti. Si perché la Fiorentina aveva buoni motivi per perdere questa prima a Roma. Non ultimo il fatto che a Roma perdiamo spesso, specialmente la prima di campionato. Soprattutto perché dopo 17 minuti Dragowski decide di fare un’uscita sciagurata e Pairetto si erge a giustiziere della notte e tira fuori un rosso molto, molto dubbio. Il portiere polacco non era alla prima uscita avventata fiori dalla propria area e tutto fa pensare che sia una impostazione tattica dettata dal gioco di ITaliano. Pairetto, da parte sua, è uno dei nuovi interpreti dell’arbitro assoluto protagonista della gara. E’ chiaro che qui la partita poteva precipitare. E poco dopo si aggiunge il gol prima annullato e poi concesso dal VAR che poteva spezzare le gambe. Invece la Fiorentina ha mantenuto equilibrio e piano piano ha preso campo. E avrebbe meritato il pareggio anche in inferiorità numerica. E dopo l’espulsione di Zaniolo che ha ristabilito la parità, siamo stati martellanti e abbiamo raggiunto uno strameritato pareggio.

In parità numerica, con la supremazia che avevamo raggiunto, con la partita di giovedì nelle gambe da parte della Roma, pensavo che fosse la svolta. E invece la Fiorentina l’ha persa proprio qui, assumendo i contorni di una brutta sconfitta. Tre gol presi in fotocopia, che mettono in evidenza due problematiche. La prima tattica: la sensazione è che le squadre abbiano già studiato bene Italiano e il timore è quello di subire molti tagli veriticali per prendere alle spalle i nostri difensori centrali, sul filo del fuorigioco. L’altra è tecnica. Da inizio mercato diciamo che manca un regista di qualità e sostanza e un terzino destro. E Pulgar e Venuti (visti come titolari) sono sicuramente due punti deboli di questa squadra, specialmente contro squadre di livello. A questo proposito sarebbe un vero peccato se ci facciamo soffiare Zappacosta dall’Atalanta, perché penso potrebbe essere il giocatore giusto per ITaliano. Non so se è vera la storia di Pjanic, ma sicuramente servirebbe un giocatore di spessore.

D’altra parte la Fiorentina esce con molti complimenti da parte degli addetti ai lavori e dallo stesso Mourinho. E tutto sommato è vero che per buona parte abbiamo visto una buona Fiorentina, specialmente nel modo di interpretare la fase di possesso. Una sconfitta quindi brutta a metà, sperando di ritrovare un Nastasic dei tempi d’oro, che Vlahovic sia davvero confermato, che arrivi l’aiutino dal mercato per i due ruoli incriminati.

2 Commenti

  1. Mi permetto di aggiungere che oltre al terzino destro ci manca anche il terzino sinistro, che si è fatto bere come un pivello più di una volta;
    che Castrovilli è entrato in partita determinato come una pagnotta e che Callejon, per quel pochissimo che ha giocato, si è confermato totalmente disinteressato.

    Certo è che se ci lasciamo affrontare con la difesa schierata nell’uno contro uno con un centrocampista che si inserisce da dietro saremo sempre perforabili come il burro.

    Mi dispiace per Pulgar che non aveva giocato male ma ha macchiato la partita con un’ingenuità colossale e, riguardandolo, mi sembra che Dragowksi abbia fatto un’uscita totalmente sconsiderata.

  2. MI aspettavo di più da Castrovilli, mentre è difficile giudicare Callejon per 15 minuti di partita (fra l’altro si è buttato su un cross centrale e ha mancato l’impatto veramente per centimetri, altrimenti avrebbe segnato). Ad ogni modo, se si sta cercando anche un esterno alto “titolare”, un motivo c’è.
    Pulgar non gioca male, ma è troppo poco regista e troppo poco incontrista per questo gioco di Italiano. Per ora non dico niente, ma l’uomo giusto potrebbe essere in arrivo.
    Su Biraghi, non so che dire. Non è certo un top, ma per ora tanto di meglio in giro (alle nostre condizioni) non siamo riusciti a trovare.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.