Parliamo di mercato

mercato
mercato

A cinque giorni dalla fine del calcio mercato mi concedo alcune riflessioni su quello della Fiorentina.

In queste circostanze non si può mai essere soddisfatti perché ogni squadra è sempre migliorabile, quindi figuriamoci quanto può essere migliorabile la Fiorentina.

L’arrivo di Torreira rappresenta per me la sorpresa più grande, non tanto per il giocatore, che è uno di quelli con la pancia già piena di soldi, quanto per la constatazione che Commisso “continua” ad investire. Potevo usare spendere ma mi sembrava brutto.

Un’altra grossa sorpresa è stata il rinnovo di Milenkovic anche se solo per un anno che, con la contemporanea dipartita di Pezzella, sostituito da Nastasic, ci rafforza in difesa. Pensatela come volete ma Pezzella a Firenze ha giocato bene solo il primo anno, poi ha sempre infilato stagioni dall’andamento altalenante e costretto gli allenatori a schierarsi con cinque difensori. E, dopotutto, se Pezzella ha ritrovato casa al Betis Siviglia, un motivo ci sarà.

A difesa però siamo carenti sulle fascie, Venuti può essere una “buona” riserva e quasi certamente con l’addio a Lirola arriverà qualcuno a destra, ma abbiamo lo stesso problema dalla parte sinistra dove Biraghi può essere considerato una “ottima” riserva.

A centrocampo ora che è arrivato Torreira abbiamo un regista di troppo, perché l’uruguaiano, Pulgar, Amrabat e Bianco sono troppi per un posto solo. Io darei via Pulgar, perché in due anni ha dimostrato solo di saper battere le punizioni e saltare di testa, non ha il passo per fare la mezzala, non ha le geometrie per fare il regista, non ha la cattiveria per fare l’incontrista. Preferirei mantenere Amrabat che ha giocato maluccio un solo anno però non vorrei che i problemi del marocchino fossero caratteriali. E poi, devo riconoscere, che Italiano ha speso parole solo per Pulgar.

Chiaramente a centrocampo non arriverà nessun altro, quindi dovremo accontentarci di vedere in campo anche Duncan e Benassi. L’anno scorso mi sembrò che il centrocampo fosse il miglior reparto della Fiorentina, quest’anno mi sembra il peggiore.

All’attacco girerà tutto intorno a DV9, e la Fiorentina non dovrebbe permettersi di non avere un sostituto degno per coprirsi da un eventuale raffreddore del serbo, perché Kokorin rischia di rimanere un oggetto non identificato non volante. Inoltre, unico ruolo invocato da Italiano in conferenza stampa, ci manca un esterno, di gamba aggiungo io, perché i nostri esterni sono sopratutto di capello, vedi Sottil e Callejon. Spero non Berardi perché costerebbe esageratamente troppo.

Tutto qua, mi sono concesso un po’ di parole al vento su un argomento estremamente sguisciante come il calcio mercato, e mi metto ad aspettare le ore 23 di martedì 31 agosto 2021 per capire quale Fiorentina si presenterà ai nastri di partenza.

2 Commenti

  1. Partendo dalla bella immagine selezionata da Simone, mi rifaccio intanto al proverbio “moglie e buoi dei paesi tuoi”, per dire che come terzino destro mi sarebbe piaciuto molto Zappacosta, che l’Atalanta ci ha soffiato sotto il naso. Italiano, collaudato, di gamba come dice Simone, spesso anche determinante. Magari Odriozola (se arriva) sarà più forte, ma dubito che sia subito pronto per il nostro campionato.
    Torreira per me è un’ottima sorpresa. In questo caso non penso abbia la pancia piena, è giovane, ha bisogno di rilanciarsi, anche perché a quell’età (25 anni) la pancia fa veloce anche a svuotarsi. Il giocatore che ricordo alla Samp a me piaceva tantissimo. Qui il proverbio è vero a metà, perché comunque ha già buona esperienza nel campionato italiano.
    Per l’esterno preferirei invece ritornarei ad applicare in pieno il proverbio. Visto che abbiamo già Gonzalez, infatti, eviterei di andare a cercare presunti talenti all’estero, avendo comunque disponibilità economiche non eccessive. I nomi che ballano sono allora Orsolini e Berardi. Penso che chiunque prenderemo, lo faremo al prezzo giusto. La Fiorentina ha già dimostrato che non vuole essere quella che paga anche per gli altri. Sinceramente non saprei dare una preferenza definitiva per uno dei due, essendoci pro e contro.
    Non banale sarà anche trovare il vice Vlahovic. Personalmente andrei su centravanti consolidati, di esperienza, di forza e malizia, pronti ad entrare in campo e dare tutto anche negli ultimi 5 minuti della gara, specialmente quando possono cambiarne l’esito. I nomi che conosco sono Caicedo (era l’ottimo, ma è andato al Genoa), Petagna, Okaka, Caputo o pescando anche dalla serie B come Lapadula.
    Non ho ben capito se Italiano crede davvero in Saponara e Callejon, sicuramente andrà via almeno uno fra Duncan e Amrabat.
    Per il terzino sinistro penso che ci dobbiamo accontentare dell’ottima riserva, considerando che da quella parte potrebbe esserci anche una lettura alternativa inserendo Igor.

  2. Ah, visto che Simone parla anche di Milenkovic, vorrei citare me stesso: circa un mese fa scrivevo “Con Milenkovic e Vlahovic c’è un assegno di 100 milioni che Corvino ha lasciato nelle mani di Commisso. Sta adesso a Rocco decidere se intascarlo o puntarlo sulla ruota di Firenze. E’ vero che vendendo si può comprare. Ma è anche vero che abbiamo due calciatori che mezza Europa ci invidia e dovrà arrivare il momento in cui non si inizia sempre da zero.” Commisso ha decisamente fatto capire che vuole puntare sulla ruota di Firenze. E allora forza Commisso, forza Fiorentina. Se si azzecca gli ultimi tasselli, può essere veramente l’anno della ripartenza.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.