Bella prima, con avvertimento

Prima partita di campionato al Franchi, prima con il pubblico dall’inizio della Pandemia, prima rete in serie A di Nico Gonzalez, prima in campionato di Vlahovic. Soprattutto una bella prima vittoria della squadra di Italiano. Cercata, meritata, conquistata, con avvertimento finale. Sul 2 a 0 le partite o si congelano o si chiudono. Questa squadra ha le qualità per fare entrambe le cose. Non può permettersi però di calare la tensione agonistica. Il gol del Torino nasce con un passaggio centrale perso per imprecisione e poca determinazione. E poi, come con la Roma, difesa infilata in verticale come lama nel burro.

Un avvertimento che deve servire solo per lavorare su questi concetti. Ma per tutto il resto, la Fiorentina merita un lungo applauso. Fin dal primo minuto si è visto determinazione nei contrasti, pressing alto, ma sempre equilibrato e soprattuto idee, qualità nel possesso e nelle verticalizzazioni. Nel primo quarto di gara è stato un dominio assoluto. La squadra sembra riuscire anche a rifiatare, senza correre troppi rischi, per poi ripremere sul gas. Bella disceta a sinistra di Castrovilli e gran bel gol dell’argentino. Bella ripartenza di Duncan e gran gol in torsione di Vlahovic su un cross con i giri giusti ma un pochino arretrato di Bonaventura.

La catena di sinistra sembra avere una marcia in più, ma alla fine a destra Callejon non ha completamente demeritato. Certo se con Odriozola e un eventuale nuovo esterno alto riuscissero a migliorare anche quella catena, questa squadra rischia davvero di darci delle belle soddisfazioni. E riguardo gli altri possibili innesti, Pulgar stasera non ha giocato male, ma da Torreira ci possiamo aspettare sicuramente qualcosa in più. Non ha demeritato neppure Quarta, ma Nastasic potrebbe dare maggiore equilibrio anche nel centro difesa. E Quarta e Igor secondo me potrebbero essere anche soluzioni esterne quando occorre serrare un po’ le fila.

Soprattutto Vlahovic-Gonzalez sembra già una coppia gustosa… se arrivasse allora un esterno mister x cosa potrebbe diventare?

1 Commento

  1. Davvero una bella Fiorentina che ha confermato, e non era scontato, quanto di buono fatto vedere a Roma.

    Per 75 minuti perfetta di fronte ad un avversario di livello inferiore, che ha messo in campo solo grinta e pedate e che, una volta esauriti i cartellini, si è abbastanza lasciato andare.

    La Fiorentina di Italiano ha confermato buonissime cose nella fase offensiva e varie sbavature in quella difensiva dove ci sarà da lavorare parecchio. Ma queste due partite ci hanno lasciato un buon morale e la sosta arriva a proposito per gli opportuni aggiustamenti.

    Sono contento perché c’è stato qualche innesto nuovo in squadra, Quarta, Castrovilli, Duncan, e tutti hanno giocato bene o almeno benino. Dopo anni di formazioni scontate sapere che in panchina c’è un allenatore che tiene la formazione viva è il massimo che può chiedere un calciatore, l’unico vero appiglio per allenarsi con impegno.

    Sui singoli mi soffermo solo su Callejon, che ha messo in mostra qualche occasione di alta classe ma che non ha la continuità e l’esuberanza che servirebbero, purtroppo lo stesso che vale per Bonaventura.

    Sul mercato, mi piacerebbe un esterno di gamba, meglio sarebbe il gemello di Gonzales, e un vice Vlahovic da spallata, ma forse Commisso ha già speso abbastanza. Certo è che se arrivasse la ciliegina a Firenze scoppierebbe la febbre.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.