Senza la marcia in più

Arriva purtroppo la quinta sconfitta in campionato. La cosa che più preoccupa, è che le ultime sconfitte stanno arrivando senza troppi sussulti, a partire dalla ripresa della partita con il Napoli. Anche stasera la Fiorentina non ha demeritato. La partita è sempre stata equilibrata. Ci sono stati momenti in cui abbiamo fatto meglio noi, altri in cui è stata più propositiva la Lazio. A noi però sempre più spesso, in queste occasioni, manca la zampata vincente, magari anche un po’ estemporanea. E’ inutile ripetersi: specialmente con l’assenza forzata di Nico Gonzalez, Vlahovic davanti predica davvero nel deserto. La cosa però che ormai sta diventando un elemento caratterizzante di questa squadra, è che siamo sempre senza la marcia in più. E questo ha una doppia motivazione. Sicuramente la panchina. Abbiamo una panchina decente nel gioco delle coppie in difesa e centrocampo, ma non abbiamo giocatori che entrano in campo e possono cambiare la dinamica della gara. Non l’abbiamo però neppure nelle corde nell’interpretazione della gara. A parte Nico Gonzalez, l’unico che potrebbe avere questa caratteristica è Sottil. Ma anche stasera ha dimostrato di essere ancora acerbo nei momenti determinanti delle azioni. Le armi che fino alla fine proviamo a sfoderare, anche quando c’è da provare a recuperare una partita, sono il giropalla cercando di avvolgere la difesa avversaria. O il tentativo di lancio lungo. Non c’è mai il tentativo e forse non ne abbiamo le potenzialità di strappare un po’, cercando di conquistare metri di campo e posizioni di pericolo con qualche accelerazione, con qualche giocata forzata. Stasera la Lazio l’ha fatto in 3/4 occasioni, specialmente con Lazzari nel primo tempo. Potrebbe essere forse Amrabat ad avere queste caratteristiche, in una posizione però che non può essere quella del regista.

Per quanto riguarda i giudizi più tecnico/tattici, la Fiorentina non è stata male in campo. Come al solito, accetta talvolta l’uno contro uno dietro e questo con squadre forte e tecniche lo paghiamo ancora troppo spesso. E troppo spesso non riusciamo ad essere appunto altrettanto incisivi, perché è capitato alcune volte anche a noi di attaccare la difesa della Lazio in parità numerica. Callejon ha provato a fare qualcosina in più, ma è davvero sempre poco per il ruolo determinante che copre. E anche nel gol della Lazio è stato pigro nel proseguire la corsa per provare almeno a dar fastidio a Pedro. Di Sottil abbiamo detto. A me è piaciuta la prova di Duncan, mentre Castrovilli è apparso ancora un po’ appannato. Meglio sicuramente Bonaventura quando è entrato. Benino anche Torreira. Mi voglio soffermare un attimo su nostri terzini. Anche stasera hanno giocato con dedizione, ma anche in loro manca quella forza fisica, di progressione, di strappo, che questo ruolo sempre più richiede nelle due fasi per poter giocare il 4-3-3. Bene invece i nostri centrali dietro.

Ad un quarto di campionato, ci siamo un po’ accovacciati dietro i magnifici sette. Siamo un po’ i portinai del famoso condominio, citando Luciano Spalletti. In questo momento è importante anche comunque tenere la posizione e vedere se più avanti qualcuno ci fa salire un po’.

2 Commenti

  1. Non ho visto la partita, l’ho sentita alla radio e mi è sembrata una partita molto moscia. Negli highlighs di interessante c’è solo il gol della Lazio.

    Quando affrontiamo le squadre che vivono nel condominio delle grandi paghiamo tutta la differenza tecnica e anche la differenza di mentalità dei giocatori.
    Su Callejon è inutile stare a dire che è ormai un giocatore finito, più nella testa che nelle gambe. Poi mettiamoci un Castrovilli che rientrava dopo un mese, poi un Venuti che non è certo migliore di Odriozola.

    Non so, l’unica giustificazione che mi do, è che Italiano sia lungimirante e che l’impiego di tutti i giocatori della rosa valga come un investimento per il futuro. Maggio ancora è lontano, la posizione in classifica è tutta da sviluppo; le ali, considerate fondamentali dal nostro allenatore e richieste espressamente in conferenza stampa, sono quattro: una accettabile, una troppo vecchia, una troppo giovane, una Saponara.

  2. Vorrei tanto che qualcuno spiegasse chi è stato a comprare quel Kokorin, quanto percepisce di contratto e perchè non gioca. Non mi sembra di chiedere troppo, perchè dopo Jakovenco, Mario Gomez, Benalouane credo sarebbe ora di finirla di pagare le vacanze a Firenze a gente che non si capisce che cosa ci sta a fare a Firenze. Ci aggiungerei anche Callejon, che il Napoli ha giustamente congedato. La Fiorentina sta assumendo la conformazione di una organizzazione assistenziale!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.