Il bischero, gli scienziati, la Fiorentina

In queste ultime due settimane sono stato più volte sul punto di scrivere un post sulla vicenda Vlahovic. Soprattutto perché i media e di conseguenza i tifosi, stanno pompando molto questa situazione, volendo però sollevare fra le righe la vicenda Commisso. C’è chi si è espresso più direttamente, chi lo sta cercando di fare sommessamente. Nella sostanza, c’è stato un tentativo ripetuto di far passare da bischero il presidente viola. Il primo è stato Montanaro, del corriere Fiorentino: l’uscita di Commisso su Vlahovic sbagliata nei tempi e nei modi, una trasparenza sbagliata. A lui si sono accodati in tanti, non ultima La Repubblica. Forse bruciano ancora, in molti scienziati giornalisti, le uscite dell’inverno scorso di Commisso. Nella realtà, come accade spesso, il presidente ha indicato un percorso e tutti si sono messi a criticare il dito. Facendo un gran gioco anche alla stampa nazionale. Nessuno dei casi “caldi”, Belotti, Kessie, lo stesso Insigne, ha avuto una risonanza esplosiva come quella del serbo viola. E in pochi a livello locale e nazionale si sono tirati indietro nell’andare ad annusare il sangue dell’animale ferito, ovvero la squadra Fiorentina. Certo, la prestazione di Venezia aveva lasciato interdetto anche me. E’ evidente che la faccenda abbia dato fastidio. Era diventato più difficile capire chi ce l’aveva con chi e anche io ho voluto aspettare. La partita di ieri con il Cagliari è stata importantissima per la vittoria, ma soprattutto per la risposta da parte della squadra.

Eccoci qua allora, con il bischero, gli scienziati, la Fiorentina. Il primo ha fatto secondo me un intervento impeccabile. Ha fatto capire che la società è arrivata al massimo (forse anche oltre) di quello che poteva fare per trattenere il giocatore. Non è una chiusura. Per ora c’è stato un no dal procuratore, Commisso ne ha preso atto. Ma è chiaro che la palla adesso è in mano a Vlahovic e al suo procuratore… e semmai ai club che vogliono farsi avanti. Tutto questo a 30 mesi dalla scadenza del contratto. Subito son partiti gli scienziati, specialmente quelli con il sangue amaro. E il giochino a destabilizzare il percorso dei viola è piaciuto subito a tutti. Anche perché basta vedere dove sarebbe oggi la Fiorentina con i 3 punti persi a Venezia. La Fiorentina per fortuna ha dimostrato di essere sana dentro. Lucida nella dirigenza, unita nella squadra. Vlahovic oggi non è un problema, ma una risorsa enorme. La squadra è con lui e lui si batte come un leone per la squadra. Senza considerare che il serbo non ha saltato una partita e ha giocato già diverse gare in nazionale.

Entrando più in merito alla gara contro il Cagliari, mi verrebbe da dire che non c’è stata partita. A parte i primi 10 minuti (almeno questo possiamo concederlo alle lamentele di Mazzarri a cui ormai non crede più neppure lui), la Fiorentina poi è stata sempre assoluta padrona. Prima del rigore ci sono state almeno un paio di occasioni clamorose. Prima del raddoppio anche. E il gol di Gonzalez nasce con una combinazione bellissima Vlahovic-Saponara. Poi nella ripresa è arrivato il gol capolavoro dello stesso Vlahovic, che per altre due volte è andato vicino alla rete.

Per quanto riguarda la formazione, secondo me il problema non è cambiare qualche giocatore ogni partita. Il problema è avere giocatori giusti e bravi al posto giusto, specialmente in certi ruoli. La partita di Torreira non è stata fenomenale, ma sa fare quel mestiere. E comunque ha ragione Italiano ad aspettarsi di più. Torreira gioca spesso di prima, anche in verticale, ma sui 20-30 metri. Se, come faceva Pizarro, riuscirà a fare questo anche sui cambi di 40-50 metri, la Fiorentina avrà una marcia in più. Una marcia in più la dovrà mettere anche Nico Gonzalez, che ha fatto bene, ma può fare meglio. Specialmente se trova le misure a destra. Maleh ha fatto il suo. Confidiamo che Castrovilli lo passa fare ancora meglio. Per quanto riguarda la difesa, occorrono prove più probanti, ma prendere zero gol fa sempre piacere.

L’eroe della giornata inaspettato è stato Saponara. Penso che Italiano sappia indovinare-prevedere bene quale siano le sue partite. Ieri era una di quelle. Ritmi non esagerati, partita non fisica, buoni spazi. Come successo con il Genoa, Saponara in questo modo può dettare gioco nella sua zona. Non penso che a Roma con la Lazio ci siano le stesse condizioni. Vediamo cosa ne pensa Italiano.

3 Commenti

  1. In queste ultime due settimane ho visitato spesso questo blog perché mi aspettavo di leggere qualcosa sulla vicenda Vlahovic…
    🙂

    La Fiorentina è una società forte, sana, che investe, che guarda al futuro. Non è ancora una società vincente e non ha blasone. Ma vediamo tra 2/3 anni e, soprattutto, vediamo dove saremo alla fine di questo campionato. Dove saremo noi, dove saranno le altre. E quanto offriranno le altre. Gennaio è vicino… per vendere ma anche per comprare.

    La partita del Cagliari non l’ho vista ma è stata una partita giocata ad una porta. La loro.

    Mi risoffermerei sulla partita contro il Venezia, arrivata dopo il ciclone Vlahovic e dopo tanti in nazionale. E’ stata una partita dove sarebbe serviva più pazienza, la prima partita veramente sbagliata su 8. Oltre questo mi verrebbe da dire che il Venezia non ha sbagliato niente ed ha lottato con più determinazione di noi su ogni pallone. E con Amrabat regista, ma non vorrei andare fuori tema.

    Su Saponara farei un monumento ad Italiano.

    E, sulla Lazio di domani, sperando nel rientro di Castrovilli, vorrei iniziare a vedere in campo Gonzalez e Sottil insieme.

  2. Mi sono dimenticato di rispondere alla domanda: dove sarebbe oggi la Fiorentina con i 3 punti persi a Venezia?

    Lasciamo perdere perché ci piglia male a tutti. Pensiamo alla Lazio.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.