As usual

Niente quarta vittoria in trasferta, niente quarto posto, niente Vlahovic, niente Fiorentina. As usual, mi verrebbe da dire con molta amarezza. In questi anni difficilmente ci siamo creati occasioni per cambiare un po’ volto al nostro destino. Quando le abbiamo avute, le abbiamo sempre fallite. E’ vero che tutto ancora è concentrato in pochi punti (nel bene e nel male). Però alla fine la storia la fanno gli eventi. E dopo le sconfitte con Inter e Napoli, anche questo evento non è confortante. E alla fine ci troviamo li, in mezzo al guado in attesa di vedere che futuro ci aspetta. Questo come discorso generale. Entrando poi nel merito, la verità è che abbiamo giocato spuntati, perché Sottil ancora non è giocatore titolare in serie A (almeno per la parte sinistra della classifica) e Callejon non lo è più. Sottil difetta ancora molto nelle scelte prima ancora che nella parte tecnica. Callejon è l’esatto opposto, perché è tatticamente molto bravo, ma a questi ritmi è praticamente un uomo in meno. E Amrabat non è un regista. Lo abbiamo detto n volte lo scorso anno. Va bene il turn-over, va bene i viaggi, ma giocare con le terze scelte in ruoli strategici forse è un po’ esagerato. C’è da dire che lo stesso Gonzalez non è entrato molto bene, anche se ha trovato una squadra un po’ allo sbando. Dopo il gol subito abbiamo perso moltissime sfide sulle seconde palle, abbiamo costantemente sbagliato le scelte negli ultimi 20 metri. E come capitato già troppe volte, quando si arriva a giocarci lo sforzo finale, rimaniamo in 10 per ingenuità. E alla fine non abbiamo neppure avuto il modo di verificare se almeno Vlahovic c’è o no. Perché almeno fino a gennaio sarà solo lui a combattere contro flotte di difensori agguerriti… dalla Russia infatti nessun furore.

1 Commento

  1. Purtoppo è proprio come dici, alla Fiorentina quest’anno manca l’attacco, Callejon non ce la fa più, Sottil ha le sue due/tre cartuccine a partita ma anche ieri sera nell’azione decisiva ha sbagliato scelta. Sarà che è giovane o che non è buono?
    Fermato Vlahovic, che non è centravanti di manovra, e senza Gonzalez, chi rimane? Bonaventura.

    Il Venezia ha giocato la sua dignitosa partita, difendendosi con le unghie e trovando il gol alla prima vera occasione, occasione che noi non abbiamo avuto.

    Oltre questo quelli del Venezia ieri sera mi sono sembrati tutti dei fenomeni, sopratutto del terzino sinistro, hanno vinto tutti i duelli individuali.

    Per ora ad Italiano vorrei solo dire di giocare un primo tempo più rilassato, perché ci siamo bevuti due ammonizioni (Odriozola e Amrabat) per troppa foga iniziale. E’ troppo facile giocare con noi, basta aspettare l’occasione che sicuramente arriva. Proviamo a non concederla.
    Perché noi troppe volte ieri sera abbiamo dato l’uno contro uno, il Venezia mai. Perché azzardare quando siamo sul risultato di parità e manca ancora tutta la partita?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.