Messi in riga

Se tre sono state le vittorie consecutive in trasferta, con stasera tre sono anche le sconfitte in campionato con squadre sopra di noi in classifica. E così, dopo Roma e Inter, anche dal Napoli siamo stati messi in riga, come d’altra parte è successo all’Atalanta con il Milan. Insomma le prime quattro sembrano avere davvero una marcia in più. La Fiorentina ha mantenuto la sua identità, abbiamo giocato per gran parte una buona partita, ma anche questa volta non è stato sufficiente. Volendo vedere il mezzo bicchiere vuoto, anche questa volta è stato inutile. E’ chiaro però che queste prestazioni dobbiamo vederle in prospettiva, pensando ad una squadra più forte anche mentalmente e fisicamente. Si perché il calo nel finale non può essere solo fisico, come sostiene Italiano. Eviterei frasi fatte tipo che siamo usciti a testa alta. Penso sia opportuno uscire da queste gare a testa bassa, sapendo che c’è molto da pedalare. E da imparare da errori che continuamo a ripetere. L’azione del rigore del Napoli è uguale a quella della espulsione di Dragowsli con la Roma. E anche sui calci piazzati perdiamo spesso i riferimenti, regalando comode conclusioni, come successo con Inter e Napoli. E poi il buio degli ultimi 15 minuti di gara, praticamente un sesto di partita regalata agli avversari. Avevo detto che serviva molto intelligenza con il Napoli.

Guardare il bicchiere mezzo vuoto ha lo scopo ovviamente di alzare un minimo l’asticella, evitare di essere sempre messi in riga da quelli sopra di noi. La Fiorentina anche stasera per gran parte della gara non ha fatto giocare il Napoli, ha avuto in mano la gara con pressing, giro palla e incursioni. Abbiamo trovato anche il gol con Quarta e assist di Vlahovic. Siamo arrivati più volte minacciosi a ridosso dei 16 metri. Purtroppo, rispetto all’Inter, è mancata però ancora di più lucidità dalla tre quarti in poi. Ho visto un Gonzalez abbastanza appannato e spesso fuori giri, nonostante abbia avuto tempo per allenarsi e riposarsi. Anche Vlahovic mi è sembrato appannato, spero che non stia influendo la storia del contratto. E sulla desta innocuo e anche poco concreto Callejon. Detto in altre parole, l’attacco un po’ in difficoltà e, come sappiamo, senza riserve può diventare un problema per Italiano. Sottil ha provato a creare un po’ di scompiglio, ma alla fine è stato lasciato abbastanza solo.

Adesso c’è la sosta e la possibilità di riordinare un po’ le idee, riprendere fiato e recuperare anche un elemento importante come Castrovilli. Al rientro ci sono due gare da non sbagliare, per capire se almeno possiamo stare li, a ridosso di quelle da cui per ora siamo messi in riga. Voglio concludere con le offese razziste verso i giocatori di colore del Napoli, assolutamente da condannare. Ha fatto bene Barone a chiedere scusa, anche se era meglio lo avesse fatto Commisso, dopo che aveva accusato i tifosi dell’Atalanta. Penso siano venuti da un gruppo isolato della curva. Ma ci troviamo “razzismo al Franchi” in prima pagina di Repubblica. Anche su questo fronte sono in molti a voler mettere in riga le uscite di Commisso.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.