Qualcosa di diverso

Lo stop forzato di Nico Gonzalez è un vero problema per Italiano e per la Fiorentina. Direi un vero doppio problema. Prima di tutto perché se c’è stata una cosa negativa dell’argentino in questa prima parte della stagione, è stata l’impossibilità di dare continuità al suo inserimento e alle sue potenzialità. E poi perché alla fine, delle 5 ali attese da Italiano, delle ipotetiche 4 disponibili, è di fatto l’unico esterno che per ora convince. E’ per questo che lo stop forzato di Nico Gonzalez richiede qualcosa di diverso nell’assetto tattico della Fiorentina. Sembra, spero, che Italiano ci stia pensando. Personalmente, al momento, Sottil me lo giocherei come carta in corsa, perché con squadre un po’ allungate e meno lucide, può dare veramente strappi alla gara, quando serve. Quando parte da titolare, tende a isolarsi piano piano ai margini della riga laterale, dove al limite riesce un dribbling, due, anche tre, ma poi viene bloccato. Certo per me è anche improponibile partire con Saponara e Callejon. Ed ecco allora che serve qualcosa di diverso. Potrebbe essere in effetti Bonaventura esterno. Potrebbe farlo anche Castrovilli, ma in questo momento il ragazzo ha bisogno di trovare la sua condizione e la sua convinzione e cambiare ruolo in questa fase potrebbe essere rischioso. Saponara – Bonaventura potrebbe anche enfatizzare il movimento ad entrare dentro il campo, ragionando anche in ottica di 4-3-2-1. Sicuramente maggiore supporto a Vlahovic e spazio agli esterni bassi di coprire l’intera fascia… almeno finché ce la fanno. Insomma, Italiano ha bisogno di ritrovare linfa offensiva dagli esterni e sicuramente ha bisogno di qualcosa di diverso… in attesa che questo arrivi direttamente dal mercato.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.