Via liscia

Contro lo Spezia era importante vincere, per provare a rimanere attaccatti alle prime sette. Alla fine la gara è andata via liscia e la Fiorentina ha vinto in modo convincente. Mi sono preoccupato un po’ nei primi 20 minuti, perché la nostra manovra era molto ingolfata, mentre lo Spezia è ripartita un paio di volte in contropiede in modo pericoloso. Dopo la metà del primo tempo, però, la Fiorentina ha veramente chiuso lo Spezia negli ultimi 30 metri, diventando sempre più pericolosa. Sicuramente Gyasi ha dato una bella mano causando il rigore. Però Provedel aveva già fatto alcuni interventi determinanti e il gol era veramente nell’aria. Il rigore ha poi liberato ancora di più la potenza esplosiva e realizzativa del nostro centravanti Dusan Vlahovic. C’è da dire che nella ripresa Odriozola ha dato una marcia in più alla spinta, consentendo di giocare in velocità e dando così la possibilità a Vlahovic di prendere meglio il tempo ai difensori. La chiave di volta della manovra offensiva è stato anche questa volta, come con il Cagliari, Saponara. E lo ha fatto questa volta occupando anche un po’ più spazio di campo; nell’azione della seconda rete era infatti proprio dalla parte destra di Odriozola. Personalmente mi sono piaciuti anche Bonaventura e Castrovilli. Devono però provare ad incidere maggiormente, specialmente negli ultimi 20 metri. Torreira sta entrando partita dopo partita sempre più nei meccanismi di questa Fiorentina. E penso che abbia ancora un discreto margine di crescita. La coppia centrale Milenkovic Quarta è stata molto solida anche ieri. Le uniche note negative vengono secondo me dalla prestazione di Sottil e anche quella di Venuti. Il primo gioca ancora in modo timido e tende a decentrarsi sempre, nonostante Italiano lo inviti spesso a cercarsi spazio in mezzo al campo. E poi il fatto che ormai ribadiamo sempre: la scelta determinante è spesso sbagliata. Venuti da parte sua (forsa anche per colpa dell’atteggiamento di Sottil), riceve palla sempre da fermo, non dando così velocità all’azione della Fiorentina. Sulla sinistra, sicuramente grazie anche ai movimenti di Saponara, Biraghi riesce sempre a fare la corsia in velocità (anche se poi con alterna efficacia). Venuti invece quasi sempre deve tornare indietro.

Sono curioso di vedere che scelte farà Italiano con il ritorno di Gonzalez. Saponara sta bene. Penso ancora che il suo valore venga fuori in partite giocate un po’ sotto ritmo come quella di ieri, in cui alla fine la tecnica fa la differenza. E in cui con il suo dribbling riesce anche a strappare. Certo, sabato con la Juve sarà una bel banco di prova, per vedere le gerarchie di Italiano, sperando di avere disponibile l’argentino.

Chiudo infine su Dusan Vlahovic. Il suo valore e la sua dedizione alla causa viola è indiscutibile. Il popolo viola lo ha capito e per ora è dalla parte della squadra e quindi dalla parte di Dusan. La società sta sicuramente lavorando per la sua sostituzione. Personalmente farei di tutto per prendere Belotti. Spero che anche i media, almeno quelli più vicini ai viola, si focalizzano sulla squadra e sui risultati, piuttosto che ammiccare a sceneggiati da c’eravamo tanto amati.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.