Mancava poco

Se devo essere sincero, non ero molto ottimista alla vigilia della gara contro la Juventus. Eravamo nella situazione peggiore, perché davvero per loro era l’ultimo treno utile per non gettare al vento la stagione, almeno in campionato. E siccome, nonostante tutto, la rosa della Juve rimane in qualità e quantità una delle migliori di serie A, non potevamo essere favoriti. Però la gara ha raccontato di una partita equilibrata, fatta per la maggior parte dalla Fiorentina. Poi c’è stato il fallo sciagurato di Milenkovic, seppur non così eclatante come si è voluto far passare. Ma nonostante un inevitabile affanno finale, mancava veramente poco per portare a casa un punto prezioso… d’oro direi considerando anche la sconfitta della Roma a Venezia. Il giocatore viola ha commesso una leggerezza ed è il primo a saperlo. Però non me la sento di mettergli la croce addosso. Prima di tutto perché alla fine la nostra coppia centrale ha di fatto annullato le punte bianconere. E poi perché il nostro modo di difendere, ovvero andare ad attaccare sempre in avanti, essendo aggressivi già dentro la metà campo avversaria, espone i nostri difensori maggiormente al cartellino giallo. Perché se guardiamo bene, i centrali bianconeri non sono stati meno fallosi su Vlahovic, ma appunto in modo meno plateale. E poi dobbiamo anche dire che difficilmente ai nostri viene perdonato qualcosa. Quarta addirittura già ammonito a metà primo tempo. Fatto sta che è la quinta partita che finiamo in 10. Il metro di misura sui cartellini, specialmente su partite diverse (ma non solo) è secondo me uno dei temi di maggiore parzialità e non è certo trascurabile nell’economia di una classifica.

Ritorniamo però alla gara. Nei primi 70 minuti l’ago della bilancia sembrava pendere sempre un po’ di più dalla parte viola. E proprio verso la metà del secondo tempo mi sembrava di aver visto anche una certa stanchezza, mentale e fisica, nei bianconeri. La sensazione è che alla fiorentina mancasse però qualcosina per dare la zampata vincente. Mi verrebbe da dire che anche in quel caso mancava poco… secondo me un po’ più di fisicità e qualità sugli esterni. Dei 4, due bassi e due alti, Odriozola è quello che ha messo più fisicità, Saponara un po’ di qualità. Per il resto niente o quasi. Biraghi ci prova, però in questa fase del campionato non riesce ad essere pungente. Callejon è riuscito un paio di volte a far correre bene Odriozola. Ma lui non he ha… ad un certo punto si è visto addirittura Odriozola che è andato a dirlo a ITaliano. Come già scritto nelle settimane scorse, in partite dove si gioca sotto ritmo, Saponara è un giocatore di livello. In partite come ieri, specialmente nella ripresa, la sua qualità non è sufficiente. Il centrocampo non mi è dispiaciuto, in particolare Bonaventura. In generale, da un punto di vista tecnico in mezzo al campo siamo stati superiori alla Juve. Mckenzie però ha stravinto i duelli fisici ed è stato quello che ci ha messo maggiormente in difficoltà. In una partita equilibrata, la Fiorentina ha creato opportunità maggiori, mancando però soprattutto nella qualità negli ultimi 16 metri per arrivare alla conclusione. La Juve ha vissuto più di strappi e giocate individuali di Chiesa e Dybala. E alla fine la differenza l’ha fatto proprio una giocata individuale, di un giocatore di qualità, entrato dalla panchina. Il calcio è anche questo. Il calcio della Juve per ora è soprattutto questo. Difficile descrivere stato d’animo dopo questa sconfitta. Dobbiamo però andare avanti con la nostra idea di gioco, che rimane bella ed interessante. Spero però che la società si impegni per mettere quel poco che manca in questa rosa, per non vivere una intera stagione di rimpianti.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.