Serata da grande

E dopo le varie delusioni contro le prime della classe, al Franchi come lontano da Firenze , alla tredicicesima di campionato la Fiorentina finalmente vive la sua serata da grande. Il MIlan è veramente una grande di questo campionato, almeno in questa fase. E’ la squadra che insieme al Napoli ha una marcia in più e la classifica non è casuale. Il Milan ha tecnica di base molto buona ed una forza fisica impressionante. Il Napoli ha un approccio fisico sopra la media ed elevate capacità tecniche. Era quindi naturale soffrire contro la squadra di Pioli, soprattutto per le progressioni sugli esterni, i duelli aerei sulle verticalizzazioni e le imbucate per Ibra. Poteva essere davvero una serataccia, visto l’emergenza fra i centrali difensivi. Ma la Fiorentina è scesa in campo molto concentrata, non snaturando la propria idea, ma non esasperando il pressing e allinenando la difesa una decina di metri più indietro del solito e chiedendo di volta in volta a Callejon o a Saponara di scalare sulla linea dei difensori. E Italiano ha, secondo me giustamente, deciso anche di mettere Duncan al posto di Castrovilli, per reggere un po’ meglio l’urto fisico del Milan. Alla fine la vittoria è stata sofferta, ma certamente meritata. Sicuramente la Fiorentina è stata aiutata anche dalla buona sorte, in particolare con l’errore di Tatarusanu che ha consentito ai viola si sbloccare la partita. E nella secondà metà del primo tempo il Milan ha messo grande pressione e sprecato anche due/tre buone occasioni. Ma i viola non si sono disuniti, sono riusciti a ripartire in alcune occasioni e alla fine del primo tempo è arrivato il gioiello di Saponara.

Nonostante giochi sempre più da fermo, è stata un’ennesima serata da grande di Ibrahimovic, che ha fatto praticamente una tripletta (e ne ha sbagliati altre due). Ma è stata soprattutto una serata da grande da parte di Vlahovic, che dopo una gara da lottatore, dopo l’appoggio per la rete di Saponara, ha fatto due gol da grande attaccante, raggiungendo doppia cifra dopo 13 giornate. Che dire, godiamoci questo giocatore fin quando possiamo e lasciamo alla società gestire come meglio può la situazione.

Dobbiamo però fare i complimenti a tutta la squadra e dobbiamo farli in particolare ad Italiano. Abbiamo sofferto, ma la difesa nonostante le assenze è sempre stata aggressiva e ordinata, il centrocampo ha fatto pressing e buon filtro e con il supporto di Vlahovic, gli esterni alti e bassi non hanno mai rinunciato a spingere. E non dobbiamo dimenticare che anche stasera siamo partiti senza Nico Gonzalez. E alla fine, senza quella leggerezza di Bonaventura, saremmo arrivati nell’ultimo quarto di gara con un sonante 3 a 0. E comunque, dopo i 10 minuti di sbandamento e l’unodue di Ibra, abbiamo avuto forza e mentalità per rimettere la gara nei binari giusti. Insomma, contro una prima della classe la Fiorentina ha fatto la sua prova da grande. Ora servono le conferme, in una serie di partite con squadre alla nostra portata, per crescere pensando da grande.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.