Vittoria del gruppo

Saponara capitano

La partita di ieri è, al momento, la vittoria più prestigiosa della Fiorentina di Italiano. Una vittoria del gruppo. Ha vinto la Fiorentina nonostante il Milan abbia vinto tanti duelli individuali, nonostante il Milan abbia dimostrato una netta predominanza fisica, nonostante il Milan abbia avuto più occasioni di noi.

I primi con cui vorrei complimentarmi sono Saponara e Callejon, che hanno fatto una partita di sacrificio e, come diceva Davide, molto spesso erano sulla linea dei difensori. Certo non possiamo chiedergli di fare dei recuperi arcigni, ma hanno fatto degnamente la fase difensiva. Saponara poi ha inventato il magnifico tiro del 2-0, dimostrando (per fortuna) che i giocatori intelligenti e con i piedi buoni sono sempre utili nel calcio moderno.

Gli altri due che hanno fatto una partita superba sono stati Venuti e Igor, non gli ho visto sbagliare niente, solo il buco per l’occasione sbagliata di testa di Ibrahimovic, ma su calcio piazzato. Igor sopratutto, ha dimostrato grande personalità e si è preso spesso la responsabilità di impostare il gioco. Venuti non ha sbagliato un appoggio.

Se togliamo lo sciagurato passaggio di Bonaventura possiamo affermare che tutta la squadra non ha sbagliato un passaggio riuscendo ad uscire quasi sempre in modo pulito dal pressing del Milan, c’era sempre uno libero a cui poter appoggiare e avere un portiere che sa giocare bene con i piedi come Pietrone Terracciano aiuta molto.

Se poi ci aggiungiamo un Duncan goleador di rapina, suggeritore e centrocampista vero, un Vlahovic che fa l’Ibrahimovic, un Torreira che inizia a girare come un macinino e un Gonzalez che entra in campo spiritato ecco che arriviamo a capire perché la Fiorentina ha vinto con il Milan.

Gran merito al nostro Mister, scrupoloso, coinvolgente, umile ma sognatore. Il grande vecchio, Enzo Ferrari, diceva che la vittoria più bella è sempre quella che verrà. E noi aspettiamo…

3 Commenti

  1. Una vittoria del gruppo, una vittoria di Italiano. Non ha stravolto atteggiamento della squadra, ma ha saputo proteggere ed esaltare le caratteristiche di Venuti e Igor, rischiando un po’ sul fuorigioco, ma riducendoi duelli negli ultimi 20 metri. Ha costruito la partita un po’ anche sulle caratteristiche del Milan e anche questo è segno di crescita.
    Sabato sera ho visto Lazio-Juve. La Lazio ostinatamente uguale a se stessa per 95 minuti, quando dopo 20 minuti si era capito che in quel modo non avrebbe mai fatto gol. E la Juve, ancora più brutta del solito, che ha giocato per 95 minuti in 10 nei suoi 30 metri, sapendo che Morata prima o Chiesa dopo avrebbero trovato occasione per fare male.
    Noi ovviamente siamo contenti di vedere bel calcio, ma siamo doppiamente contenti se Italiano inizia ad abbinare alla qualità anche la corretta interpretazione delle gare, che alla fine è la leva per il vero salto.

  2. Italiano ha il suo credo calcistico e il suo schema calcistico, però passettino, passettino, sta dimostrando di sapersi adattare alla squadra avversaria. Contro il Napoli l’ha fatto, contro la Giuventus l’ha fatto, ed era quasi riuscito a portare a casa un pareggio in 10, contro il Milan l’ha rifatto ed è arrivata la vittoria.
    Contro il Milan ad essere sinceri abbiamo avuto quel pizzico di fortuna mancata in altre gare.
    Una Fiorentina a mille all’ora e poi spompata l’abbiamo vista solo contro l’Inter e una Fiorentina fuori fase solo contro il Venezia, quindi bisogna essere fiduciosi.

    L’utilizzo ampio della rosa così come quest’anno io non lo ricordo per niente, tutti gli allenatori di mia memoria, diciamo recenti, ruotavano al massimo 15/16 giocatori. Italiano tutti compreso Kokorin.

    Ed ecco il nostro problema, la rosa: se a difesa possiamo ritenerci coperti, forse manca solo un vice Biraghi, e a centrocampo quasi coperti, una mezzala forte ci manca, all’attacco ci manca un vice Vlahovic e un’ala come si deve.
    Per questo aspetto con trepidazione il mercato di Gennaio, per capire se Commisso, zitto, zitto, piazza un bel colpo esterno alto, e un mezzo colpo centravanti (un centravanti boa per fare a sportellate).

    A quel punto Italiano avrebbe qualche freccia in più al suo arco.

    P.S.
    Vorrei aggiungere che contro il Milan ho visto situazioni di gioco con un solo milanista circondato da tre dei nostri, e mai un fuorigioco fatto male con l’avversario che ci taglia in due. Vedi Roma e Napoli. Rimaniamo fiduciosi!

  3. Sette sconfitte in quattordici partite! Questo sarebbe un andamento positivo del campionato? Questa sarebbe la grande qualità del gioco esaltata da certi giornalisti? Ma i risultati non contano?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.