Partenza… a effetto

Siamo ripartiti e, per fortuna, per caparbietà, perché alla fine era giusto così, lo abbiamo fatto prendendoci i tre punti. C’è voluto un cross di Mandragora, a giro, a palombella, beffardo, diretto all’incrocio dei pali, al 95° per ottenere questa vittoria. E dopo la sorpresa di Koumé in campo e fra l’altro tra i migliori. Dopo l’esordio con rete di Jovic. Dopo il mezzo pasticcio di Gollini che rimette in gioco una Cremonese in dieci, è arrivato, quando le speranze erano ormai perse, la papera di Radu e il gol che non ti aspetti, per una partenza… a effetto.

Ovviamente bene così. Ma è bene rendersi conto subito che non esiste partita vinta a priori. E’ bene essere consapevoli che se questa squadra mette la velocità di crociera può subire qualsiasi squadra, in particolare se corre, picchia e non molla come la Cremonese. Italiano aveva accettato il due contro due di Quarta/Milenkovic contro le punte avversarie, sui lanci lunghi ma sempre precisi e insidiosi di Radu. Nel primo tempo, a parte la dormita generale sul gol del pareggio, i viola recuperavano quasi sistemicatimente palla per ripartire, riuscendo ad arrivare spesso dentro l’area avversaria. Nella ripresa, pur con un uomo in più, la Fiorentina ha abbassato il ritmo, ha smesso di fare pressing sul portiere, concedendo però sempre scontri diretti dietro. E con una distrazione di Benassi è arrivato il calcio d’angolo del pareggio. Con una di Dodo, stava per arrivare la beffa. Prima e dopo ci sono state anche diverse occasioni per chiuderla, ma purtroppo Jovic e Bonaventura non sono stato lucidi come nel primo tempo.

Italiano ha risparmiato tutti gli acciaccati o presunti tali, com Gonzalez, Igor, Duncan, Dodo, Venuti e lo stesso Ikoné. E purtroppo i sostituti non sono stati sempre all’altezza. A parte Koumé che è stato appunto uno dei migliori, Benassi, Maleh e soprattutto Quarta hanno sofferto molto. Per quanto riguarda Gollini, sul secondo gol dove lui e la difesa hanno dormito, ma in generale a me non era dispiaciuto. Come contento sono della prova di Jovic, perché ha fatto vedere che può giocare anche spalle alla porta, per fa salire la squadra. Sottil ha fatto una buona gara, anche se deve imparare a cadere di meno.

Come speriamo accadrà spesso quest’anno, non c’è molto tempo per piangere sul latte versato. Sarà importante invece, correggere alcuni atteggiamenti mentali e fisici, che stavano facendoci perdere 2 punti, se non peggio. Sappiamo d’altra parte che è ferragosto, che ci sono problemi di affiatamento o di affaticamento. Per il campionato c’è tempo, ma il Twente è alle porte con una sfida da dentro o fuori. Vediamo se Italiano schiererà tutta l’artiglieria pesante, perché in questo caso la partenza deve essere necessariamente a effetto.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.