Anch’io ho commesso un errore, non ho mai usato la pomata Linetti!

Sapevo che avrei scritto qualcosa di antipatico, ma a parziale mio discapito il non aver riportato il titolo, che era il finalino di un Carosello degli anni sessanta e che ora ripropongo, non ha reso evidente né l’intenzione di prendersi un po’ per le mele né quella di parlare di qualcosa di più serio. È rimasta la sensazione di una polemichina del venerdì, inutile quanto il voto dato a Grillo in Sicilia.

L’insignificanza di Mati Fernandez ovvero il problema tecnico (argomento decisamente poco serio)

E va beh, mi sembra di essere diventato il Niccolò Ghedini del Fernandez! Così, seppure il mio pensiero su Mati l’abbia già espresso, ho prenotato una visita oculistica dopo che con Davide addirittura sbuca la finta «esagerata» sul rigore sbagliato dal mio assistito. Neanche la Bocassini in menopausa o Travaglio presidente della repubblica avrebbe osato tanto. Dopo la vittoria col Genoa (e a questo punto quella prossima e meno scontata con il Cagliari) è doppiamente fuori luogo tirare fuori di nuovo questa storiella… ma io l’«esagerazione» proprio non riesco a vederla… Sì perché, da buon rompicoglioni, sono andato a rivedermi i filmati. C’è un portiere che si butta a destra (che fa una finta anche lui?) e Fernandez che si posiziona quasi in modo elementare per tirare di potenza alla sinistra di Bizzarri… E sbaglia… Sbaglia tra l’altro in un modo meno colpevole dello Jovetic di Parma, e con minore sufficienza di Ljiaic contro l’Inter nell’anno passato. Per me Fernandez rimane un giocatore fin troppo elementare e per questo ancora non del tutto utile. Forse diciamo la stessa cosa, anche se ritengo che il «Problema» della Fiorentina non sia lui quanto il terzo centrocampista in generale, ovvero chi occupa la posizione di Mati, Romulo e Migliaccio. Il confronto certo non lo possiamo fare con Aquilani che, seppure di tutt’altra Pomata, ha giocato ancora troppo poco, né con Borja Valero che di minuti ne ha giocati 1000 e temo (Problema?) non abbia sostituti, neppure con Olivera che va a coprire il ruolo di “primo” centrocampista e ha giocato solo due partite per intero. Simone ha cercato di spiegare che lui conosce tifosi che si aspettano dal cileno chi sa quali magie e giustamente dice che ce ne vorrà del tempo prima di vederle. A dire il vero però sembrava che fosse un’intera tifoseria ad essere caduta nelle malie del Fernandez. Va bene lo stesso.

La Pomata Mati Fernandez, ovvero un argomento più serio e scivoloso.

Mettiamo da parte i nonni, le origini contadine, gli olivi e gli attuali mestieri… anche se la piagnucolona Fornero ci ha spiegato che non bisogna essere troppo schizzinosi e pretendere subito un lavoro soddisfacente. Credeva di parlare al mi figliolo e invece parlava anche a me, che c’ho l’età più vicina a quella di Delio Rossi che a quella di Ljiaic. Choosy, ministra, forse lei e sua figlia non sapete che un raccoglitore ha “diritto” (!?) al 5% di oro verde di quello che tira giù da un albero: faccia fare il conto al super tecnico che la comanda o mandi a fare una prova quel raccomandato del suo sottosegretario.
A titolo informativo quest’anno l’olio è buono ma con una resa abbastanza bassa, il che significa che bisogna raccogliere tante olive per ottenere un quantitativo giusto di olio o, secondo il punto di vista, che porti tanto al frantoio ma torni con alcuni fusti vuoti o scemi. Montolivo è stato questo aveva tante noccioline sull’albero ma la resa era sempre bassa, per altri invece, anche se lo spremevi per un’ora in più sotto la macina, di oro verde ne usciva sempre la stessa quantità, cioè poca. Il risultato è lo stesso, ma il punto di vista è diverso. A me la storiella della riconoscenza o le coccole ricevute o i guanti bianchi non ha mai convinto e non perché voglio dare le ragioni un po’ a manca e un po’ a destra, ma perché non è scritto da nessuna parte che si può rendere in qualsiasi situazione… e la situazione dello spogliatoio dell’anno scorso era uguale alla Beirut degli anni ottanta. Detto questo non approverò mai che un uomo in mutande o in doppiopetto venga sbeffeggiato con una serie di epiteti via via sempre più offensivi: non mi piace né che si chiami Tontolivo un giocatore né che si chiami Nano il Berlusconi. Purtroppo dal Tonto siamo arrivati al Mongo, che è un’offesa per chi è affetto veramente da una grave malattia genetica. Se Borgonovo avesse giocato nella Juve qualcuno avrebbe usato anche il termine Slaolivo?

Quindi per concludere: quando si festeggerà “qualcosa” a fine anno, io ci metto l’olio, Simone il vino, il Viola Club di Poggibonsi ci porta Fernandez e lui – si spera – nel frattempo di Finta o di Scivolata un gol ce l’avrà fatto!

4 Commenti

  1. sull’argomento poco serio ti dico che i rigori li sbaglia solo chi prova a batterli quindi onore a Mati Finta Fernandez perché ci ha provato. A me non è piaciuta la sua rincorsa sul rigore, ma la mia è una considerazione personalissima che lascia il tempo che trova.
    Noto invece che, dopo le ultime prestazioni, le aspettative che tanti tifosi avevano su Mati si siano un pò raffreddate allineandosi alle mie. La cosa non mi fa certo piacere perché avrei preferito aver sbagliato a giudicare. Rimango fiducioso che qualche mese di ambientamento aggiuntivo e magari un cambio di ruolo possano trasformare Mati (amichevolmente er Pomata) nel nuovo Maradona.

    Sull’argomento serio tiro dentro le parole di mia nonna:”si scherza con i fanti e non con i santi”. Mi ci sono sempre attenuto come un comandamento.
    Qui si va avanti per scherzo e per passione della Fiorentina. Gli argomenti che tiri dentro te sono troppo importanti, troppo forti e troppo intimi per lo spirito di questo blog, ma non voglio fare come lo struzzo, se ti va proseguiamo per email.

    Mi fermo qui con la speranza di poter davvero festeggiare “qualcosa”.

  2. Sul rigore ho voluto usare il termine “finta”, per rimanere in tema Mati. E’ evidente che non ha fatto nessuna finta: ha esagerato però il voler tirar angolato con il voler tirar forte. E’ altrettanto evidente, comunque, che dei tre rigori che hai citato è quello “meno sbagliato”, se mi passate il termine.
    Per quanto riguarda gli argomenti più seri e scivolosi, a volte è difficile trovare delle sintonie, perché la sensibilità di ciascuno ha soglie e soprattutto motivazioni difficilmente interscambiabili. Però posso mettere la mano sul fuoco che tutto quello che si dice su questo blog sui giocatori è comunque rigorosamente rivolto al tipo ed alle qualità di giocatore e non certo di uomo, di cui in generale sappiamo sempre poco o niente per poter dare giudizi.

  3. Io credo in Mati come credo in Montella. Getterò la spugna solo quando Vincenzo,lo considererà come Camporese e Hegazy. Fedele!

  4. Quindi ora ci sono i rigori più e meno sbagliati? Oh ragazzi, il rigore è digitale: o si, o no. Non ci sono mezze misure. Mati almeno è bello da vedere perché fa la finta.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.