Elefanti e gattacci: ma Viola!

C’è, da s12029812-elefante-viola-possesso-di-un-bigliettoempre, nell’anima fiorentina la consapevolezza che chi subisce senza alzare il sopracciglio sbaglia.

E noi si da sempre fastidio , per questo.
Ma poi per non tacere, si esagera: per i’ piacere di una battutaccia si ferisce un amico, per non lasciare l’ultima parola si passa al torto, oppure, per la fretta di criticare si butta “i’ bimbino co’ l’acqua”.
Poi hai voglia a rimediare: “Eh, si scherza! Eh, fo pe’ ri12193493-viola-gatto-in-ceramica-su-un-tavolo-in-legno-con-tovagliette-verdidere!”.

Ne’ battibecchi con l’amico Simone ci sta tutta la contraddizione di noi tifosi Viola: probabilmente lui ha ragione, ma io ‘un ciò torto di sihuro!
Lui da toscanaccio al 100% vede i problemi e sbuffa fuori la rabbia verso una Fiorentina (società?) che si avvicina ad un traguardo e non lo coglie mai.
Io tradisco il mio idolo, il Ginettaccio, per colpa del mio sangue emiliano solo in parte “corretto” dalle acque dell’Arno, e la rabbia la sopisco accumulandola, perchè mi giro dalla parte dei giocatori, ancora troppo acerbi, a volte troppo scarsi, per poter sopportare le nostre critiche.
Son dei vasi coccio, o meglio, dei cristalli, che se vedon un Fiorentino “bociargli” in faccia vanno in frantumi:
Pasqual (domenica marcava sia Maicon che Destro….) llè scarso di nulla a difendere, ma poi? Le critiche van bene ma bono ‘un lo diventa più, oramai!

Il problema non sono i giudizi negativi o feroci, ma il clima che si innesca e che riporta tutto allo stadio, dove si manifesta (o rischia di farlo) in insofferenza verso alcuni giocatori che francamente non trovo sia giustificata nè guardando la classifica nè le prestazioni viste in quest’anno e mezzo.

Tutti noi dovremmo ricordarci che arrivare 4° l’anno scorso (quasi 3°- rigoriperilmilanpermettendo-) non ci da alcun diritto divino a migliorare quest’anno, anzi dovremmo ricordarci che Roma e Inter l’anno scorso hanno fatto schifo e che se quest’anno non mancasse il Milan noi saremmo addirittura 6°, sulla carta. Senza Gomez poi…

“Sì, ma Neto c’è… e si vede! Ma sempre meglio di Aquilani, largo-al-popolo-violache ancora ‘un s’è visto di ‘e pasta l’è fatto.  E Gomez? Fa i signorino lui, dovea essè in campo dopo 6 settimane, lo si vedrà co’ l’anno novo. Pe’ non di nulla d’Ilicicce, quando gioha pare un morto-di-sonno! E Montella s’è montato…. e Pradè ha fallito i mercato….

OooooohEAllloraaaa, oh Simoneee (Fabrizioooo, Leonardooooo, Lapoooo, ….) abbozzala!
Perchè te tu cià raggione, ma mi pari un elefante in una cristalleria!

(Oh, e fo pe’ ridere, via!)
Elefanti e gattacci, siam tutti Viola (… a volte di rabbia)

Forza Viola!

2 Commenti

  1. Grande Gattaccio… il senso non è chiaro, ma la polemica non manca 🙂

    Non so se ho esternato delle critiche a Pasqual per domenica scorsa, ma di sicuro le ho immaginate. Per caso mi leggi nel pensiero?

    • Beh, forse il concetto che volevo esprimere non è facilissimo, ma se devo spiegarlo vuol dire che sono stato addirittura un disastro!

      Volevo sottolinerare che nel tifoso fiorentino, più ancora che in altre tifoserie, convivono 2 categorie che si distinguono, più che dai concetti, dal tono e dal linguaggio utilizzato.
      Una categoria è impaziente e focosa, il rischio che corre è di allontanare per frenesia le poche persone che lavorano per vincere, una buona volta.
      L’altra categoria è più introversa e paziente, col rischio di sembrare troppo accondiscendente e accontentarsi, invece di spronare alla vittoria.

      Ma tutt’e due si ritrovano d’accordo nel giudicare insopportabile la fase difensiva di Pasqual! 🙂

      Gattaccio Viola

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.