Ciak, si gioca!

Ci siamo, nonostante il timore di vivere un calciomercato infinito appesantito anche dalla calura di Lucifero, oggi riparte il campionato. Ed inevitabilmente in ogni tifoso comincia a risalire la febbre calcistica. Mi viene in mente la bella collezione fatta alcuni anni fa dalla Gazzetta, dal titolo “Campionato io ti amo”: un DVD per ogni stagione, a partire dal 1978, dove il campionato veniva proposto come un film-documentario. Vedendoli in sequenza si capisce come il genere sia cambiato negli anni: fino a metà anni novanta il copione si muoveva su pochi capisaldi, di grande valore, ovvero “Tutto il calcio minuto per minuto”, “90° minuto”, “Domenica Sprint” e “Domenica Sportiva”, tutto nasceva e finiva li, portando la voce dei protagonisti (giocatori, allenatori, presidenti) in modo più diretto e reale. Insomma film alla Pasolini o comunque vecchia commedia all’Italiana. Sappiamo poi che con la diretta TV il calcio si è molto americanizzato, uno scotto che abbiamo dovuto pagare per poter seguire sempre e ovunque la nostra squadra… non so se ne è valsa la pena. So però che alla fine questo giuoco riesce sempre a darci delle emozioni. Già, queste sono quelle che ad ogni inizio di stagione speriamo di poter ritrovare e rinnovare. E dopo 4 mesi veramente pesanti (sempre calcisticamente ovviamente), le sensazioni per questa nuova Fiorentina sono positive: si parte con il botto, a Milano, contro l’Inter di Spalletti, Vecino e Borja, ovvero contro il nostro passato. Peccato per alcune assenze importanti, ma c’è voglia di andare a scoprire questa nuova viola. Pioli ripartirà molto probabilmente dal suo 4-2-3-1 e forse è giusto così, perché è il modulo più collaudato, con Sanchez (o Badelj se recupera) e Veretout sulla mediana, Eysseric, Zekhnini e Benassi sulla 3/4. Il vero problema sarà capire come sulle fasce riusciremo a fronteggiare la forza e la velocità dell’Inter, tanto da ipotizzare anche l’uso di Tomovic al posto di uno fra Gaspar e Maxi Oliver. Con questa rosa in futuro però mi intrigherebbe molto vedere un vecchio 3-5-2, sfruttando un reparto di difensori centrali potenzialmente forte (Astori, Hugo, Pezzella, senza dimenticare Milenkovic, lo stesso Tomovic che a 3 da più sicurezza ed il promettente Hristov), un centrocampo con Badelj mediano e Veretout e Benassi Mezzale, le fasce che alternano da una parte maggiore contenimento (Gaspar, Maxi o Biraghi), dall’altra spinta (Chiesa o Dias) per finire con coppie del tipo Eysseric/Saponara-Simeone/Baba. Ovviamente ci sarà tempo per Pioli per valutare, in attesa anche che questo calciomercato arrivi veramente alla fine. Per il momento si scende in campo e come al solito, più del modulo conterà abnegazione, determinazione e tanta grinta, caratteristiche che Pioli ha appena garantito in conferenza stampa. E allora scendano in campo gli attori, perché ciak, si gioca!

 

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*