Serataccia annunciata

Male la prima, con una sconfitta secca ed anche un po’ scoraggiante. C’è da dire che era un po’ nell’aria, visto che l’Inter arrivava carico da un precampionato molto positivo e noi un po’ con la coda fra le gambe, con ancora un po’ di confusione interna, alcuni interpreti arrivati veramente ieri e due assenze pesanti, Chiesa (la persona più determinata in questa fase della stagione) ed il centrocampista di qualità che alla fine si è deciso di acquistare dal passato, ovvero Badelj. Questo diverso stato d’animo si è visto nei primi 10 minuti nella determinazione e cattiveria in campo e alla fine sono bastati per indirizzare la partita. Entrando nel merito, abbiamo avuto l’ennesima dimostrazione che Tomovic non è un terzino destro, che forse manca ancora un terzino sinistro e che comunque tutta la linea difensiva deve essere ancora registrata. Anche il nostro centrocampo ha bisogno di trovare gamba, distanze, geometrie e spesso infatti la squadra è apparsa divisa in due. Ci sono state anche alcune note positive, tipo la partita di Gil Dias, alcuni numeri di Eysseric, la grinta di Simeone ed anche la determinazione con cui è entrato in campo Babacar… ed anche Cristoforo. CI sono quindi i presupposti per crescere e per fare bene. Che fosse una serataccia annunciata si era capito anche dalla designazione arbitrale: il solito arbitro no-sense Tagliavento, che è riuscito a mettere subito in difficoltà il concetto di VAR. Si perché ha preso lui la decisione del rigore all’Inter (molto dubbio) che poi la VAR ha confermato e non è voluto andare a vedere con i suoi occhi il contatto (ma non il fallo come ha deciso la VAR) su Simeone (secondo me più rigore del primo). Penso che la partita di Milano abbia già messo in crisi il concetto di VAR, perché si è voluto fare forse un passo più lungo della gamba, cercando di andare a normalizzare quello che è un po’ il sale del calcio, ovvero l’interpretazione: l’Inter stasera avrebbe vinto forse uguale, ma la VAR (con la sua interpretazione) ha mandato in vantaggio l’Inter dopo 4 minuti e ha evitato il 2 a 1 ai viola alla fine del primo tempo. Se poi ci mettiamo palo interno di Veretout e subito dopo il 3 a 0, la serataccia è servita.

4 Commenti

  1. Capita, con tagliavento poi capita sempre, a me non dispiacciono le nuove leve, vediamo cosa combina Pioli con questi ragazzini tra 4-5 giornate.
    Calma e gesso che lo scudetto va a Milano in una delle due sponde, quindi pagheremo pegno a San Siro entrambe le volte volenti o nolenti, var o non var, detto che ieri appunto ti hanno fatto capire chi trarrà meno vantaggi dalla var almeno il primo anno :i Gobbi eheheh

  2. Mah, la partita l’ho vista, ne potevamo prendere di più, VAR o non VAR dopo 15 minuti sei sotto 2-0 c’é poco da dire, l’Inter é molto più forte. In difesa, con Hugo che spero sia stato in una serataccia (così come Astori), i soliti terzini IMBARAZZANTI (Corvino che facciamo? Giochiamo anche quest’anno con due incapaci dietro?). Vediamo con la Samp chi siamo…

  3. Concordo abbastanza quanto dice Alberto, abbiamo un serio problema di terzini. Per quanto riguarda i centrali, tutti dicono che Pezzella è un titolare sicuro… questo può significare due cose: o Hugo fa panca o magari si passa alla difesa a 3, alleggerendo molto il problema terzini. Concordo anche sul fatto che sarà molto importante la partita di domenica sera: essere quest’anno inferiori all’Inter non è un dramma… è importante però capire anche di chi riusciamo ad essere superiori… qui però mi allineo ad Alessio e sono fiducioso

  4. I terzini mancano a quasi tutta la serie a, parliamoci chiaro.. Un de Sciglio che gioca titolare nella gobba… Per Capirsi, roba da mani nei capelli.
    Di là c’era una regia favolosa, e spalletti ha sempre dico sempre corteggiato Borja. Se lo tutelano sempre così ha fatto bene ad andarsene, e onestamente se vincesse lo scudetto sarei felice per lui.
    Ma noi non dobbiamo vincere lo scudetto, quindi, troviamo una soluzione per i terzini (Alonso guarda quanto ci ha fruttato) e regoliamo difesa e centrocampo.
    Insegnamo al funanbolo anche a difendere un po’, poi col rientro del ragazzino e forse di un badeli che nessuno ha voluto (ce lo portano via a gennaio 🙂 ) saremo meglio messi in campo.
    Con la Samp mi piacerebbe vincere

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*