Segnali spagnoli

La Fiorentina esce sconfitta dal trofeo Bernabeu, ma forse con qualche convinzione in più rispetto alla serataccia di San Siro. Insomma i segnali spagnoli, anche se non tutti positivi, sembrano indicare verso la direzione giusta per Pioli. Partiamo dai segnali ancora di preoccuazione:

  • la corsia di destra; forse Gil Dias copre ancora poco, sicuramente sul discorso terzino destro siamo ancora molto deboli, ma tant’è che i problemi sono nati spessso li. Vabbè che c’era il giocatore più forte del mondo, ma non è in grado di far sparire i giocatori e crearsi le praterie.
  • Benassi: non voglio e sarebbe davvero inaccettabile creare ora un caso sul giocatore. Dobbiamo però prendere atto che è al momento fuori condizione (da ricordare che ha giocato fino a tardi con l’under 21 e forse ha fatto una preparazione non corretta… ed infatti molti azzurrini in questo momento sono in difficoltà, vedi alla voce Berna, Politano, Pellegrini ecc); inoltre come tornante sembra non avere distanze e tempi. Vediamo comunque che idee ha Pioli.
  • Gil Dias: è evidente che ha potenzialità… però se inizia ad incaponirsi in dribbling impossibili, specialmente in zone critiche del campo, non aiuta né se stesso né tantomeno la squadra a crescere.
  • Babacar: Simeone ha dimostrato di voler spaccare il mondo, lui lo fa ogni tanto e senza troppa convinzione. Dobbiamo trovare una chiave di volta per questo giocatore, altrimenti diventerà un caso (se non lo è già).

Come detto, però, ci sono stati segnali spagnoli con tendenza positiva e questo ci fa ben sperare:

  • la coppia Badelj (anche se troppo spreciso ieri) Veretout da dinamicità, grinta e geometrie
  • Se il buongiorno si vede dal mattino… Simeone ci farà divertire
  • Eysseric sulla tre/quarti si muove sicuramente bene; purtroppo è il classico giocatore che vuole la palla sui piedi e questo ha già fatto preoccupare Simone. Però la qualità non si discute
  • Biraghi non sarà un terzino da Champion, ma penso che nel campionato italiano ha i mezzi per starci con risultati buoni.
  • Pezzella, a parte l’azione del gol in cui è stato lasciato solo a giocare a scartino con CR7, ha già fatto vedere di avere qualità.
  • Abbiamo anche un secondo portiere affidabile.

Pioli ha ancora molto da lavorare, ma i segnali spagnoli ci ridanno fiducia.

 

 

2 Commenti

  1. Boh loro hanno giocato frenati e col sorriso, cr7 é un mostro, marcarlo non è fattibile, forse se lo tieni in tre fa meno danni, ah ma ci sono anche tutti gli altri campioni….
    Vabbè per quanto valeva, abbiamo dei bei giocatorini in attacco e non rimpiangeremo il carrarino.
    Dietro siam da registrare.
    Faremo meglio dello scorso anno.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*