Il mio voto è 6 e mezzo

Forse ai più risulterà troppo ottimistico, ma per questa sessione di calciomercato della Fiorentina il mio voto è 6 e mezzo. E’ un voto anche di coerenza rispetto al 6 che ho dato lo scorso anno (di cui fra l’altro rimango convinto). Lo scorso anno era basato sulla politica di praticamente totale mantenimento della rosa, quest’anno è basato sulla politica di completa rivoluzione attuata. Politiche su cui fra l’altro in entrambi gli anni la gran maggioranza dei tifosi concordavano ad inizio mercato. E quest’anno secondo me la Fiorentina può far qualcosa di meglio.

Entrando nel merito, l’unico giocatore che non avrei ceduto è Vecino (come già detto un mesetto fa), ma purtroppo l’unico su cui Corvino non ha avuto margini di manovra visto la clausola. Per il resto, c’era da ricostruire una rosa è vero con un bel portafoglio gonfio grazie alle cessioni (molto efficaci di Corvino), ma in un mercato veramente ingestibile. Partiamo però dal primo elemento alla base della rivoluzione, l’allenatore. La Fiorentina ha preso Pioli, un tecnico sicuramente valido, ma non ovviamente uno della fascia Top: era ovvio che la sua scelta si accompagnasse ad una rivoluzione della rosa, perché per gestire una rosa come quella viola alla fine della stagione scorsa occorreva un allenatore Top, uno Spalletti, un Mourinho o qualcuno del genere, perché (e poi ce ne siamo accorti) c’erano giocatori non solo validi tecnicamente ma anche da una personalità importante. Su questo alla fine è dove ha fallito lo stesso Sousa, perché aveva veramente una squadra quantomeno da posizione Uefa. Pioli, come molti allenatori del suo livello, ha bisogno di ottenere con il lavoro e sottotraccia la sua autorevolezza e autorità nello spogliatoio. E allora vai con la rivoluzione e arriviamo agli acquisti.

Qui partiamo dalla prima considerazione: l’acquisto top della Fiorentina, Simeone, considerato un giocatore di prospettiva, interessante, appetito da molto ma comunque giovane e con poca esperienza, è costato circa 20 milioni. I top player sono stati pagati un ordine di grandezza in più. Squadre top, come la stessa Juve, è disposta a pagare 40/50 milioni e stipendi sopra i 3 per giocatori che sono al momento alternative alla formazione titolare. Si capisce allora quale può diventare lo spazio di manovra per una squadra come la Fiorentina. In questo spazio sono arrivati giocatori come Veretout, Benassi, Pezzella, Vitor Hugo, Eysseric, lo stesso Gil Dias. Siamo per tutti intorno ai 10 milioni di euro. C’era di meglio? Forse si, ma come al sempre sarà il campo a dirlo. Poi ci sono i giovani e le scommesse che a maggior ragione il tempo ci dirà se vinte o perse. Infine qualche giocatore per dare concretezza, come Laurini, Thereau e lo stesso Biraghi, senza considerare che comunque Saponara e Sportiello rappresentano due elementi di novità.

La rosa è completa in ogni reparto, adatta a supportare anche diversi modalità di gioco. Tecnicamente in partenza può sembrare più debole dello scorso anno, ma il tipo di campionato poi viene deciso dalla determinazione, dall’impatto dell’allenatore, dal tipo di stagione di alcuni giocatori, dalla concretezza che riesci a mettere in campo. Secondo me ci sono gli ingredienti per fare un campionato da Fiorentina. E non starei oggi ad ammiccare quei 35 milioni che sono rimasti nelle casse viola, perché potrebbero far più comodo a gennaio per aggiustare qualcosa in corsa, che andare oggi alla ricerca di un altro colpo nella fascia 10-15 milioni che abbiamo visto non porta nomi in grado di spostare immediatamente gli equilibri.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*