Finalmente ciao Mati Fernandez

mati fernandez

Quando arrivò lo chiamavano Mati Rabona, e una rabona provò a farcela vedere con risultati comici. Oggi se ne va nel completo anonimato per la gioia dei pochi e il rimpianto dei tanti. Perché sono stati in tanti ad amare il suo pesticciare per il campo, il suo incedere barcollante, le sue inutili scivolate, le sue interminabili finte, il suo calcio spettacolare esattamente come il circo. Se ne va, e ci auguriamo che si porti via tutto il moscio e l’inutile dallo spogliatoio della Fiorentina.

L’impegno, siamo onesti, non lo ha mai fatto mancare e se il Franchi fosse stato un campo da calcetto poteva essere tutta un’altra storia. Ce lo ricorderemo per quell’unico lampo, in quattro anni di Fiorentina, quel rigore preso nel mitico 4-2 con i gobbi.

E adesso va…! Va via Mati Fernandez! Via da Firenze il più lontano possibile. Via te e il calcio fuffa.

1 Commento

  1. Giudizio colorito, ma per quanto mi riguarda (e forse un po’ anche oggettivamente) severo per questo giocatore che è stato comunque un co-titolare degli anni di Montella, quelli che ci hanno regalato 3 quarti posti consecutivi (ed oggi il numero di tifosi che lo sottoscriverebbero sarebbe sicuramente superiore a quelli che hanno sottoscritto l’abbonamento). E’ vero che ‘ arrivato con un’impostazione tecnico tattica errata per il nostro campionato, ma nel giro di qualche mese ha saputo calarsi nel ruolo di mezzala facendo raramente rimpiangere assenze nei tre di centrocampo. La sua inadeguatezza per questa Fiorentina è legata principalmente al suo stipendio, troppo alto oggi per essere un rincalzo. Lo salutiamo senza rimpianti, ma nemmeno con troppo rancore.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*