Mossa viola

Sapevamo che con la terza giornata sarebbe iniziato un nuovo campionato per la Fiorentina, dal momento che Corvino ha sfruttato fino all’ultimo giorno di calciomercato per definire la rosa viola, perché Pioli aveva bisogno come il pane di giorni di lavoro per assemblare tutto il nuovo materiale tecnico a disposizione, arrivato dopo ferragosto. Ci aspettavamo allora un segnale importante ed è arrivato con un risultato quasi tennistico e probabilmente storico (mi è stato detto che da 58 anni non si vinceva 5 a 0 fuori casa). Ma veniamo alla partita: la Fiorentina è riuscita ad impostare la gara come l’aveva subita dall’Inter, come non era riuscita a fare con la Samp, ovvero subito aggressiva, in pressing, cinica. Tre reti in neppure mezzora, altre occasioni sprecate, ma primo tempo chiuso senza alcun patema. Thereau è riuscito a dare subito quella consistenza in avanti che era un po’ mancata, Benassi sta crescendo, Badelj e Veretout stanno piano piano trovando sintonia e sostanza. Simeone e Chiesa ci mettono poi la loro giovinezza e la loro voglia di stupire e stupirsi. Chiesa, che non ha segnato, è entrato in diverse azioni dei gol e dimostra di essere sempre dentro la partita. Dobbiamo dire che quando abbassiamo i ritmi siamo ancora fragili e lo stesso Verona, quando ha preso campo, ci ha creato un po’ di grattacapi: in particolare il centrocampo a 2 è in realta molto più folto quando si attacca, mentre sembra proprio a 2 quando si difende… insomma qualche meccanismo ancora da oliare. E ne patisce soprattutto Gaspar a destra, spesso lasciato nell’uno contro uno. Oltre ai primi gol delle nuove punte Simeone e Thereau, fanno piacere ovviamente anche i primi gol in maglia viola di Veretout e Gil Dias (che deve imparare però ad essere molto più concreto…). La cosa più importante comunque è che c’è stata questa mossa viola… finalmente ci siamo staccati dalla staccionata di partenza; adesso serve continuità e soprattutto ricerca di geometri difensive. In questo percorso Pioli ed i suoi devono fare il proprio campionato, senza pensare troppo dove atterreremo: per ora sappiamo che 5/6 sono superiori a noi; le notizie dagli altri campi dicono però che ad oggi due squadre sono nettamente superiori, Juve e Napoli; gli altri magari vincono, ma con fatica ed anche un po’ di fortuna.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*