Opportunità perdute e speranze viola

Finito il calciomercato (quest’anno più di sempre pazzo nelle valutazioni dei calciatori) e avviata la stagione calcistica vorrei fare un punto su opportunità perdute e speranze viola. Partirei appunto dalle prime, focalizzandomi non tanto sui NO che ha ricevuto questa estate la Fiorentina e su cu cui si è scritto e speculato molto (… perché tutti ricevono dei NO e non tutti quelli che dicono no sono o saranno campioni). Mi focalizzo invece su due nomi in particolare, Belotti e Immobile: è chiaro che oggi sono inavvicinabili dalla Fiorentina, ma sono giovani e maturi, forti ma in squadre non di primissima fascia. Ovvero giocatori che 2/3 anni fa potevano finire a Firenze, invece che a Torino o Roma sponda Lazio. Questo per dire che in determinati periodi di calciomercato, possono girare delle opportunità che squadre del livello della Fiorentina devono provare a cogliere, prima che sia troppo tardi: nel 2014 all’età di 24 anni Immobile passa per 19 milioni al Borussia. Nel 2015 a 22 anni Belotti passa al Torino per addirittura 7,5 milioni, affari alla Simeone e anche meno. E’ evidente che la Fiorentina in quel periodo non aveva grandi margini di manovra, ma sono quelle le operazioni che ti consentono di scommettere sul salto di qualità. Per questo motivo, anche se ritengo ancora Simeone un po’ grezzo, immaturo, l’operazione di Corvino ci sta tutta ed è una di quelle operazioni che da speranze ed anche un po’ di entusiasmo: è giovane, è grintoso, è voglioso, ha qualità e sono molto curioso di vedere cosa succede nei prossimi due anni. Magari con minor trasporto emotivo, ma anche le operazioni di Benassi, Veretout e lo stesso Gil Dias vanno in questa direzione. Dopo le opportunità perdute, recenti e passate, passata l’ansia da calciomercato e da squadra in dismissione, è secondo me giusto iniziare a pensare che Corvino ha fatto un mercato basato su concrete speranze viola di avere nel giro di un paio di anni in rosa gente alla Immobile e Belotti, che da una parte alza il tuo livello di competitività e al tempo stesso ti da linfa per fare un autofinanziamento non al ribasso ma mirato ad aumentare il livello tecnico.

1 Commento

  1. La differenza la fanno sempre:

    è giovane, è grintoso, è voglioso, ha qualità

    In tanti, negli ultimi anni a Firenze, avevano solo alcune di queste qualità. Aspettiamo con fiducia.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*