Diciamocelo

L’eliminazione dalla Coppa Italia è sempre un brutto momento, anche perché rimane sempre l’obiettivo meno complicato da raggiungere… e non solo per la Fiorentina. Però non possiamo parlare di flop, di fallimento della stagione, sia come obiettivi sia come impostazione di squadra, come purtroppo ho letto anche da penne di qualità come Ferrara e Guetta. Flop era la sconfitta a Firenze con il Carpi o il Torino di qualche anno fa, non con questa Lazio a Roma. E per la formazione, sapevamo che gente come Thereau fa fatica a reggere 90 minuti ogni 7 giorni e che purtroppo lo stesso vale per Badelj. Sapevamo che Laurini non deve stressare troppo il suo apparato muscolare; abbiamo visto che forse anche Benassi non regge incontri ravvicinati. Volevamo dare anche un po’ di spazio a Babacar… insomma non capisco davvero le critiche alla formazione di Pioli, che poi alla fine è molto simile a quella elogiata che ha battuto la Samp agli ottavi. E non capisco neppure le sentenze complessive su questa rosa, che molti addetti ai lavori stanno sempre più apprezzando. E’ chiaro che a gennaio Corvino deve intervenire con 2/3 mosse fondamentali… però ieri in campo c’era il mediano titolare della Colombia, che ha un rank migliore dell’Italia e andrà a giocarsi il suo mondiale in Russia: non sa fare il ruolo di Badelj e questo è un problema da risolvere. In campo c’era Saponara, che con la Samp non ha demeritato: ha giocato male, ma dovremo comunque capire se può tornare ai suoi livelli o meno. In campo c’era Babacar. Insomma, Pioli non è andata a giocarsela con riserve improbabili come Bakic, Verdù e Rebic; ha fatto un giusto (direi inevitabile) turnover e bene o male siamo stati in partita fino alla fine, nella ripresa abbiamo fatto la partita. Alla fine hanno vinto i migliori, come spesso accade, e quindi testa alla prossima.

E allora diciamocelo: il problema vero è che al di la di tanti discorsi su proprietà, su comunicazione, su chiarezza ecc, ai tifosi interessa vincere di più: se si arriva in Champion si vuole lo scudetto, se arriva l’Europa League, perché non la Champion, se si arriva in fondo ad una competizione, perché non vincerla? Se si parla di progetto giovani (come hanno detto chiaramente i dirigenti quest’anno a partire da Antognoni, invocando un po’ di pazienza e vicinanza per la crescita della squadra), si pensa alla squadra YeYE che vincerà lo scudetto sorprendendo tutti… altrimenti fallimento! Noi purtroppo siamo quelli che hanno fischiato il tikitaka di Montella in semifinale contro il Siviglia e che hanno esultato al rigore sbagliato di Ilicic. Diciamocelo, ci siamo rotti della Juve che vince tutto e vorremmo vincere anche noi, alla faccia del fair play, dei conti in regola, del bacino di utenza, della nostra dimensione. E la stampa va dietro ovviamente a questa sensazione, perché se non c’è la vittoria a dare il titolo, meglio buttarla sulla polemica. Meglio esorcizzare Firenze dai Della Valle e sperare in qualche salvatore, di qualsiasi razza o religione sia… l’importante è che spenda tanti tanti soldi per Firenze e la Fiorentina. Siamo a fine anno, è il momento dei buoni propositi e dei desideri per il nuovo anno…. E allora diciamocelo.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*