Due punti regalati

Parto dal turnover, quello applicato da Pioli contro la Lazio e più o meno criticato da tutti, come già scritto, anche da giornalisti di un certo spessore: beh, se ce n’era bisogno, oggi c’è stata la netta controprova che le scelte di cambiamento di Pioli erano state quantomeno opportune e forse anche insufficienti; si è infatti visto la condizione di Thereau (pur non avendo giocato a Roma), abbiamo soprattutto visto quella di Benassi, veramente scarico. Lo dimostra che lo stesso Veretout alla fine della gara è arrivato esausto ed è mancato nella fase cruciale della partita. D’altra parte, se giocare con gli stessi 11/12 per tre mesi da una parte ha dato solidità e fiducia, dall’altro ha inciso sulle risorse fisiche e mentali di alcuni giocatori, come per esempio Chiesa, oggi partito dalla panchina.

Venendo alla gara, primo tempo partita brutta e lenta, che si è accesa solo negli ultimi 10 minuti, dopo il fallo di Romagnoli su Simeone, che sicuramente meritava altra sorte. Il Milan ha giocato molto chiuso, i viola non avevano la freschezza fisica e mentale per giocare in velocità. Nel secondo tempo la partita si è accesa, se non altro perché le squadre si sono un po’ allungate. La gara l’ha fatta prevalentemente la Fiorentina e, sia in alcune ripartenze, sia in alcune azioni impostate, c’è stata molta imprecisione negli ultimi passaggi e nelle scelte per andare in porta: abbiamo detto di Benassi a zero, ma ci sono stati sbagli anche di Badelj, di Thereau, a volte anche di Veretout, di Simeone, insomma, un po’ di appannamento mentale su molti. Nonostante questo, la Fiorentina è riuscita a sbloccarla a venti minuti dalla fine, con una bella azione aggirante, con un cross veramente bello di Biraghi ed un gol da centravanti vero di Simeone. Il Milan era già in affanno e pensavo che la partita fosse chiusa: la partita doveva essere chiusa! Ci s’è messo di mezzo però l’infortunio di Pezzella, una tripla copertura su Suso un po’ approssimativa, un mezzo errore di Sportiello, un po’ di ritardo di Chiesa… ed ecco due punti regalati al Milan, una nostra diretta avversaria.

Diciamo anche un po’ di sfortuna, che però doveva essere un pò prevenuta, magari risparmiando oggi Benassi ed avere un cambio in più. Alla fine del girone di andata la Fiorentina è in corsa per il sesto/settimo posto, in una bagarre che ancora però non si è dipanata. Molti prevedevano un campionato molto più anonimo, altri chiedono di vincere (… direi molto originali): a questa squadra possiamo sicuramente chiedere di più, perché ci sono ancora margini di crescita, ma è evidente che c’è bisogno per Pioli di qualche nuovo titolare.

1 Commento

  1. Punti regalati da chi siede sulla nostra panchina. Abbiamo pareggiato contro una squadra scarsa come il Milan proprio come fece il mago portoghese l’anno scorso.
    Continueremo a regalare punti fino a che giocheremo in dieci, l’anno scorso avevamo Ilicic, quest’anno abbiamo Eysseric e Saponara.
    Perché dobbiamo giocare per forza con il rifinitore in campo? Perché continuiamo a far giocare i giocatori fuori ruolo?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.