Una partita… una stagione

Poteva essere la partita che riportava i viola (ingiustamente) nell’ambito di una stagione anonima e invece i viola hanno giocato una grande partita per comunque  mettere in risalto una stagione positiva. Dovrebbero ascoltare, i vari Bucchioni & Co (devo metterci a malincuore anche Ferrara) cosa dicono di questa squadra gli uomini di calcio come Adani e molti altri! Doveva essere la partita del Napoli… la partita della stagione per il Napoli ed la gara invece ha praticamente chiuso (unica nota veramente negativa) la corsa allo scudetto. C’è da dire che la nostra speranza era avere un Napoli euforico ed invece i partenopei sono entrati in campo tristi e rassegnati alla supremazia (intesa in senso lato)della Juve. Atteggiamento negativo sfruttato alla grande dalla Fiorentina che ha giocato fin dal primo minuto con aggressività e dedizione. Ne ha approfittato sopratutto Simeone, che ha creato Non rigore ed espulsione e segnando poi la sua prima tripletta viola: 13 reti senza rigori e 3 assist per il cholito, numeri importanti per un ragazzo di 22 anni, che ha saputo reggere molto bene le critiche di un tifo ingeneroso e che ad oggi è forse il giocatore più determinante della Fiorentina. Per il resto la Fiorentina ha saputo affondare quando era il momento, ha gestito quando voleva rifiatare, non correndo mai pericoli seri. L’europa è ancora un po’ lontana anche perché oggi Milan, Atalanta e Samp avevano tre NON partite. Peccato per i punti persi con Spal e Sassuolo. Ci sono comunque tre partite da giocarcele ed una stagione, la prossima, in cui possiamo tornare a divertirci.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*