Vittoria di Corvino

Bellissima vittoria della Fiorentina nell’ostico campo di Marassi contro il Genoa, che tiene i viola ancora aggrappati, a due giornate dalla fine, alla possibilità di entrare in Europa League. E’ la vittoria del gruppo, sempre più compatto, è la vittoria di Pioli, che ha saputo fare un eccellente lavoro con una squadra giovane e creata ex novo appena 7 mesi fa, è come accade da due mesi a questa parte anche la vittoria di Davide Astori, anche oggi celebrato da tutto lo stadio al minuto 13. Con la Fiorentina ottava, a due punti dall’Europa a due giornate dalla fine, praticamente nella stessa situazione di un anno fa, non possiamo però dimenticarci che questa è soprattuto la vittoria di Corvino e del suo staff. Il direttore in questa stagione ha parlato molto poco rispetto a come eravamo abituati nella sua prima esperienza viola… deve aver buttato giù diversi rospi in questi mesi, attaccato praticamente da tutta la stampa fiorentina su tutti i fronti. Oggi questa squadra è una delle realtà più interessanti del campionato e soprattutto una delle promesse più intriganti per il prossimo anno. Pochi oggi farebbero a cambio fra Pezzella e Gonzalo, fra Borja e Veretout, fra Simeone e Kalinic e lo stesso Benassi, anche se ha faticato un po’, sta facendo una stagione in crescendo. Ed entriamo nella gara partendo proprio dal Cholito e dall’ex granata: quarto assist (fra l’altro con tocco delizioso) di Simeone, grande incursione di Benassi (che aveva avviato l’azione) e quinto gol stagionale. I numeri nel calcio dicono molto e dice molto il fatto che il cholito abbia determinato 17 reti senza rigori e che Benassi abbia segnato più di quanto lo scorso anno abbiano fatto Borja e Vecino. Rimanendo sui numeri, forse quello che manca oggi è proprio qualche gol in più di Chiesa, che rimane il nostro gioiello, ma ancora non determina come potrebbe ed è lontano dalle 11 reti fatte lo scorso anno dall’altro Federico.

Oggi Corvino comunque ha avuto la sua rivincita anche per chi negli ultimi tempi si è focalizzato sulle seconde linee: è vero, abbiamo una rosa un po’ corta, ma oggi sono stati determinanti proprio loro, le seconde linee, Falcinelli, Eysseric e sopratutto Dabo. Fra l’altro le sostituzioni sono state probabilmente la causa di uno sbandamento di 5 minuti che rischiava di mandare a monte una gara dominata per gran parte dalla Fiorentina: uscito Badelj, Pioli ha spostato un po’ di pedine a centrocampo e per alcuni minuti il Genoa è riuscita ad affondare come una lama nel burro, facendo fare brutte figure a Pezzella & Co, che per il resto hanno giocato un buona gara. Poi appunto c’è stata la riscossa delle riserve e la grinta di una squadra che non molla mai e che per la prima volta riesce anche a ribaltare una situazione di svantaggio. In queste ultime due giornate può succedere di tutto, però la cosa bella e nuova rispetto allo scorso anno è che i tifosi viola sono completamente presi dalle gesta di questi ragazzi, li seguiranno fino alla fine e sono altrettanto curiosi di vedere se e come sarà migliorata questa rosa… ed anche tutto questo è una bella vittoria di Corvino.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*