Programmazione

Programmazione! Una parola molto usata, spesso abusata quando si vuole criticare una società di calcio e quindi tirata più volte in ballo dai tifosi viola. La tira in ballo anche Simone nel suo articolo su Lafont, perché giustamente la Fiorentina si trova a dover programmare due diverse stagioni, quella con Uefa e quella senza. Ritornando al tema generale, nonostante le accuse rivolte alla Fiorentina e alla gestione Della Valle da tifosi e spesso anche media di lavorare molte volte senza criterio, in modo improvvisato, io sostengo che se c’è una cosa che questa proprietà sa fare (da grandi imprenditori) è programmare.

Ci sono stati tre momenti topici nell’era Della Valle, che avevano alla base una forte programmazione:

  • l’investimento del 2005, dopo il primo anno di Serie A, mirato ad aprire un ciclo con giocatori di spessore e a raggiungere la Champion e sappiamo quali sono stati i risultati.
  • Il rilancio, nel 2012, al primo vero bivio del “lascio o raddoppio”: i Della Valle furono disposti a re-investire (pensiamo a Rossi, Gomez, ma anche lo stesso Borja, Aquilani ecc), chiedendo a Pradè appunto un rilancio a breve termine, con giocatori di esperienza, magari evitando cartellini troppo costosi, ma disposti ad aumentare il monte ingaggi. Anche in questo caso nel bene e nel male conosciamo i risultati: grande gioco, Champion sfiorate, coppe sfiorate, belle soddisfazioni, qualche amara delusione e alla fine però un deficit che iniziava a prendere la deriva rispetto ai parametri Uefa.
  • La rifondazione, quella appunto iniziata con Corvino un anno fa. Primo obiettivo di questa nuova programmazione, mettere i conti a posto, ringiovanendo la rosa e abbassando il monte ingaggi. Al tempo stesso tentare di porre le basi per aprire un nuovo ciclo, che ovviamente non avesse i tempi di reazione della Fiorentina di Pradè, ma che desse più garanzie di sostenibilità e miglioramento nel tempo.

Ovviamente oggi ci interessa valutare e goderci questa ultima fase. C’è da dire che Corvino è stato impeccabile e quanto meno tempestivo nel liquidare la vecchia rosa per non vedersi costretto a svenderla. Siccome oggi il calcio impone non solo avere grandi giocatori, ma anche conti in ordine, i risultati si raggiungono anche con una buona programmazione economica e la Fiorentina oggi è meritatamente in Europa League, al di la dei cavilli legali che si potranno trovare con il ricorso al TAS… perché abbiamo sempre sostenuto che il Milan nel campionato scorso era una “concorrente” sleale.

Venendo ai dettagli più tecnici, Corvino lo scorso anno è riuscito a porre le basi per una Fiorentina giovane, comuque competitiva e con margini di crescita. C’erano alcune scommesse, alcune sono state perse, come il portiere, l’ala (Gil Dias) ed i tre-quartisti. Si sapeva inoltre che si sarebbe perso Badelj. E nonostante gli allarmismi che a fine giugno (A FINE GIUGNO!) si lanciavano riguardo il ritardo nel mercato della Fiorentina, alla partenza del ritiro abbiamo il portiere nuovo, avremo probabilmente almeno un centrocampista nuovo, abbiamo un terzino sinistro nuovo, abbiamo un nome forte su cui lavorare per l’ala, con probabilmente dei piani-B. Fra l’altro a Moena ci sarà anche un gruppetto della ex primavera su cui si ripone molta fiducia, oltre a Vlahovic su cui saranno fin da subito gli occhi puntati non solo dai media fiorentini. Ci sono anche delle operazioni in uscita da gestire (su cui però non vedo questa grandissima urgenza), compreso fra l’altro una possibile plusvalenza differita per Rebic.

Tutto questo per me si chiama programmazione e Corvino ed i suoi ritengo la stiano interpretando in modo molto efficace. Non sono e non è il caso di essere euforici, come diceva sarcasticamente Bucchioni; però un po’ sereni si, perché il percorso è tracciato: difficile che ci porti diretti in champion a breve, ma sembra ben impostato per farci migliorare rispetto allo scorso anno, unica vera promessa fra l’altro che ha fatto la società.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*