Sorprese contro il Chievo

benassi migliore in campo contro il Chievo

La partita contro il Chievo è stata piena di sorprese: Pioli che schiera il giovane Fernandes come centrocampista centrale, il risultato tennistico, il brasiliano Gerson, Eysseric che se non gioca bene almeno non gioca malissimo e, purtoppo, anche la Fiesole che canta contro.

Il migliore in campo è stato Benassi ma ho voluto premiare tutto il centrocampo perché sappiamo che è il reparto più importante delle squadre di calcio e quello della Fiorentina di ieri sera è stato decisivo, forse non adatto a giocare contro tutte le squadre perché troppo offensivo ma certamente un centrocampo che fa ben sperare visto che nella rosa abbiamo anche Veretout, che conosciamo benissimo, Dabo, che conosciamo benino, Norgaard, che ha fatto una buona partita ieri.

Sulla partita c’è poco da dire visto che ha girato tutto bene. Pioli deve però considerare che sull’1-0 il Chievo ha avuto due occasioni, di cui una di testa bellissima, con azioni partite sempre dalla nostra zona sinistra, quella di Gerson e Eysseric.

Oro: Benassi

Medaglia di Orodopo il due a zero era già il candidato principale all’oro del nostro medagliere perché è il nostro centrocampista migliore, la vera, pura mezzala a tutto campo. Dopo ha realizzato anche una doppietta.
 
 

Argento: Gerson

Medaglia di Argentoil Franchi di Firenze sembra proprio lo stadio adatto a lui, tre gol in due partite. L’altra mezzala dai piedi buoni e dall’ottima capacità di impostazione. Si vede che è brasiliano, bravo quando c’è da impostare, soprattutto palla al piede, un po’ meno quando c’è da difendere e rincorrere.
 

Bronzo: Fernandes

Medaglia di Bronzoil giovanissimo svizzero-portoghese gioca a sorpresa davanti alla difesa e sorprende per la serenità, la semplicità e la tanta umiltà con cui smista i palloni, ma anche per la dedizione con cui partecipa alla fase difensiva. Uscire vincenti dagli scontri con Hetemaj è un bel segnale. Peccato per l’ammonizione.
 

Ieri era la prima partita ufficiale anche per Norgaard e, come ha detto Pioli, è stato ottimo l’approccio alla gara: sereno, deciso, umile. Abbiamo bisogno di un mediano più di contenimento e meno regista, e i primi segnali lanciati da Norgaard sono confortanti.

Sul resto della squadra c’è da dire che Lafont è sembrato abbastanza timido ma la squadra lo ha aiutato, che la difesa, composta tutta dai “vecchi” si è comportata come tutti ci aspettavamo e ci ricordavamo, che Simeone e Chiesa sono sempre i soliti e forse ancora imballati, più Chiesa di Simeone.

Una nota speciale va rivolta a Eysseric che, dopo un anno, ha giocato benino soprattutto dal punto di vista dell’approccio. Abbastanza attento in copertura e partecipativo in attacco. L’importante è che Pioli lo usi solo nelle emergenze e che dia anche spazio ai più giovani. Meglio sarebbe se Corvino lo vendesse.

Il grosso interrogativo per la prossima è: entrando Veretout chi uscirà? A me non dispiacerebbe spostare Gerson aulla linea degli attaccanti con licenza di fare il brasiliano. Soprattutto con le grandi squadre.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.